Pubblicità

Rapporto di coppia (9842)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 50 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Loredana, 35 anni

Gentilissimo dott.,Le scrivo perchè ciò che mi è stato chiesto dal mio uomo non sò se devo considerarla una richiesta normale o devo preoccuparmi di chi mi sta affianco.
Da quasi un anno sto con Antonio che ha 48 anni, lui è separato a giugno di quest'anno si divorzierà, non ha figli e prima di fidanzarsi con la moglie provava una forte attrazione per me che non ho mai ricambiato solo perchè lo vedevo troppo grande .
Stiamo già pensando di comprare casa e andare a vivere insieme,ma l'altro giorno mi ha chiesto mentre eravamo in intimità se mi sarebbe piaciuto farmi riprendere da una vidiacamera,mentre io e lui facciamo l'amore!... Quando gli ho risposto se lui fosse normale mi ha subito risposto che se la cosa mi turba devo immediatamente cancellare la richiesta.
La mia domanda è la seguente:
è una forma di perversione?Cosa può significare questa richiesta e cosa si nasconde dietro questa voglia?
La ringrazio anticipatamente per una eventuale risposta.

Buon giorno Loredana,
la richiesta che le ha fatto il suo compagno si rifà ad una fantasia molto frequente. Quando questa fantasia però da immaginazione diviene desiderio vero e proprio e si vuole dunque agire, bisogna fare alcune riflessioni. Non c’è nella sessualità un giusto e uno sbagliato. Nel rispetto del partner tutto può essere giusto. Se il suo partner ha questo desiderio ha fatto benissimo a proporglielo. Ora sta a lei valutare se questo tipo di comportamento è per lei fastidioso o eccitante. Nel primo caso, sempre nel rispetto l’uno dell’altra, basta semplicemente comunicarlo al partner. Se il suo partner rispetterà la sua scelta, di problemi non se ne pongono. Ciò che provoca eccitazione nelle persone infatti può essere molto diverso. Ad alcuni la proposta del suo compagno può risultare molto eccitante, per altri può essere inconcepibile. Per altri ancora può essere sufficiente il solo pensare a quella situazione, senza doverla per forza agire.
Ripeto: non ce normalità o anormalità in questo. L’importante nella relazione di coppia è che ci sia rispetto reciproco per le idee e soprattutto per le scelte altrui. Quindi dovrebbe essere contenta del fatto che il suo compagno si sia sentito così a suo agio e in confidenza con lei da poterle esprimere un suo desiderio e dovrebbe essere altrettanto contenta del fatto che ha rispettato il suo rifiuto.
Spero di esserle stata utile

( risponde la dott.ssa Laura Duranti )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters

0
condivisioni