Pubblicità

Rapporto di coppia (9842)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 69 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Loredana, 35 anni

Gentilissimo dott.,Le scrivo perchè ciò che mi è stato chiesto dal mio uomo non sò se devo considerarla una richiesta normale o devo preoccuparmi di chi mi sta affianco.
Da quasi un anno sto con Antonio che ha 48 anni, lui è separato a giugno di quest'anno si divorzierà, non ha figli e prima di fidanzarsi con la moglie provava una forte attrazione per me che non ho mai ricambiato solo perchè lo vedevo troppo grande .
Stiamo già pensando di comprare casa e andare a vivere insieme,ma l'altro giorno mi ha chiesto mentre eravamo in intimità se mi sarebbe piaciuto farmi riprendere da una vidiacamera,mentre io e lui facciamo l'amore!... Quando gli ho risposto se lui fosse normale mi ha subito risposto che se la cosa mi turba devo immediatamente cancellare la richiesta.
La mia domanda è la seguente:
è una forma di perversione?Cosa può significare questa richiesta e cosa si nasconde dietro questa voglia?
La ringrazio anticipatamente per una eventuale risposta.

Buon giorno Loredana,
la richiesta che le ha fatto il suo compagno si rifà ad una fantasia molto frequente. Quando questa fantasia però da immaginazione diviene desiderio vero e proprio e si vuole dunque agire, bisogna fare alcune riflessioni. Non c’è nella sessualità un giusto e uno sbagliato. Nel rispetto del partner tutto può essere giusto. Se il suo partner ha questo desiderio ha fatto benissimo a proporglielo. Ora sta a lei valutare se questo tipo di comportamento è per lei fastidioso o eccitante. Nel primo caso, sempre nel rispetto l’uno dell’altra, basta semplicemente comunicarlo al partner. Se il suo partner rispetterà la sua scelta, di problemi non se ne pongono. Ciò che provoca eccitazione nelle persone infatti può essere molto diverso. Ad alcuni la proposta del suo compagno può risultare molto eccitante, per altri può essere inconcepibile. Per altri ancora può essere sufficiente il solo pensare a quella situazione, senza doverla per forza agire.
Ripeto: non ce normalità o anormalità in questo. L’importante nella relazione di coppia è che ci sia rispetto reciproco per le idee e soprattutto per le scelte altrui. Quindi dovrebbe essere contenta del fatto che il suo compagno si sia sentito così a suo agio e in confidenza con lei da poterle esprimere un suo desiderio e dovrebbe essere altrettanto contenta del fatto che ha rispettato il suo rifiuto.
Spero di esserle stata utile

( risponde la dott.ssa Laura Duranti )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni