Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Rapporto sessuale (142974)

on . Postato in Sessualità | Letto 13 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maria Stefania 23

Gentile Dottore, sono arrivata a scriverle perché purtroppo non ho trovato risposta a ciò che è un mio problema, e che mi trascino da qualche tempo.Io ho 23 anni e il mio moroso ne ha 25 e siamo felicemente fidanzati da 5 anni. Io sono profondamente innamorata di lui e non ho motivo di dubitare il contrario da parte sua; purtroppo per motivi di lavoro, ci vediamo solo 1 volta alla settimana. Da circa 1 anno, i nostri rapporti si sono "accorciati". Le poche volte in cui abbiamo un rapporto nei tempi "giusti" sono rare. Il problema penso che sia di entrambi. Mi spiego. Lui si dedica ai preliminari, mi bacia e mi stimola. Appena avviene la penetrazione, però, in pochissimo si conclude il rapporto, ed è proprio la penetrazione che a me dà un vero stimolo. Risultato: il 99% delle volte non raggiungo l'orgasmo. Riconosco che non mi è sufficiente essere accarezzata prima del rapporto, e a volte per poter venire con lui mi stimolo da sola (a volte non faccio neanche in tempo)! Al termine del rapporto lui spesso conclude dicendo: "Scusami amore, ero troppo eccitato!" Io sento che la sua eccitazione è naturale e non gli faccio pesare quei momenti. Questo però ci sta rovinando al punto che a volte non mi va e mi rifiuto di prestarmi. Ho ipotizzato che potesse essere stress/nervosismo ma al lavoro va tutto bene e non sono successe cose particolari negli ultimi tempi. C'e qualcosa che posso fare per aiutarlo e per aiutarci? La ringrazio anticipatamente qualora volesse aiutarmi. Distinti saluti.

Cara Maria Stefania, la descrizione, che mi sottoponi, è classica nelle coppie, che per motivi di lavoro e logistica si possono poco frequentare. Lo stress può essere la causa delle eiaculazione precoce, ma non è detto, anzi credo che fra voi non ci sia quella confidenzialità che credete ci sia. Consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta sessuologo iscritto alla FISS (Federazione Italiana Sessuologia Scientifica) che con esercizi specifici può aiutarvi nel raggiungere l'estasi in simultanea. E' anche chiaro, qualora lo ritenesse utile, fare anche delle sedute di psicoterapia per capirne le componenti nevrotiche che si nascoindono. Auguri

(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 16/03/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. Freud utilizza il termine per i...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters