Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Rapporto sessuale (142974)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

Maria Stefania 23

Gentile Dottore, sono arrivata a scriverle perché purtroppo non ho trovato risposta a ciò che è un mio problema, e che mi trascino da qualche tempo.Io ho 23 anni e il mio moroso ne ha 25 e siamo felicemente fidanzati da 5 anni. Io sono profondamente innamorata di lui e non ho motivo di dubitare il contrario da parte sua; purtroppo per motivi di lavoro, ci vediamo solo 1 volta alla settimana. Da circa 1 anno, i nostri rapporti si sono "accorciati". Le poche volte in cui abbiamo un rapporto nei tempi "giusti" sono rare. Il problema penso che sia di entrambi. Mi spiego. Lui si dedica ai preliminari, mi bacia e mi stimola. Appena avviene la penetrazione, però, in pochissimo si conclude il rapporto, ed è proprio la penetrazione che a me dà un vero stimolo. Risultato: il 99% delle volte non raggiungo l'orgasmo. Riconosco che non mi è sufficiente essere accarezzata prima del rapporto, e a volte per poter venire con lui mi stimolo da sola (a volte non faccio neanche in tempo)! Al termine del rapporto lui spesso conclude dicendo: "Scusami amore, ero troppo eccitato!" Io sento che la sua eccitazione è naturale e non gli faccio pesare quei momenti. Questo però ci sta rovinando al punto che a volte non mi va e mi rifiuto di prestarmi. Ho ipotizzato che potesse essere stress/nervosismo ma al lavoro va tutto bene e non sono successe cose particolari negli ultimi tempi. C'e qualcosa che posso fare per aiutarlo e per aiutarci? La ringrazio anticipatamente qualora volesse aiutarmi. Distinti saluti.

Cara Maria Stefania, la descrizione, che mi sottoponi, è classica nelle coppie, che per motivi di lavoro e logistica si possono poco frequentare. Lo stress può essere la causa delle eiaculazione precoce, ma non è detto, anzi credo che fra voi non ci sia quella confidenzialità che credete ci sia. Consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta sessuologo iscritto alla FISS (Federazione Italiana Sessuologia Scientifica) che con esercizi specifici può aiutarvi nel raggiungere l'estasi in simultanea. E' anche chiaro, qualora lo ritenesse utile, fare anche delle sedute di psicoterapia per capirne le componenti nevrotiche che si nascoindono. Auguri

(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 16/03/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

News Letters