Pubblicità

Relazione sessuale (078656)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 53 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Aliena, 30 anni

Da circa tre anni ho una relazione sessuale con un uomo di 53 anni sposato. So benissimo di fare male. Anzi. più lo so e più vengo attratta da lui. E' un pompiere, io una volontaria del soccorso di ente importante lavoro come istruttrice cinofila e spesso lavoro anche come autrice di fantascienza presso case editrici e periodici. Ora, quest'uomo è divenuto, mai è successo prima con gli altri, una presenza costante nel mio mondo recondito, laddove prendono forma i miei racconti. Non ne posso più, davvero. Perchè mi ossessiona questa presenza? Non ne sono innamorata. E sessualmente vengo attratta dalla sua età e dal suo essere un uomo un po' ruvido. Non è 'dominante' ma sono io a cercare in lu questa caratteristica? con quest'uomo 'regredisco'. Mi lascio guidare. Ma perchè è diventato tanto importante? Tra l'altro riesco a vivere altre storie, più 'normali'. Cerco però questo mondo senitmentale parallelo. Un mondo che nessuno conosce, ovvio. E che custodisco celato nei nostri appuntamenti e nulla trapela all'esterno. so che devo lasciar perdere.
Ma non ci riesco. Perchè? Mi sento strana, anomala... A disagio. Grazie infinite.

E' davvero sicura di voler abbandonare questa relazione? Malgrado lei la descriva come qualcosa di anomalo ed alieno, sembra essere dalle sue descrizioni il luogo dove si sente veramente sè stessa. E' importante farsi guidare nelle relazioni ed essere sè stessi, dovrebbe rilfettere se la sua è una ossessione legata al giudizio degli altri, o al fatto che questa persona è sposata e non potreste avere un futuro insieme. Siamo noi a dare importanza alle persone e alle situazioni e il fatto di vivere storie più 'normali' che cosa significa per lei? Esistono delle scale di normalità nelle relazioni sentimentali? La invito a rifletterci sù, buona fortuna!.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni