Pubblicità

Relazione-sessualità (118694)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marta 29

Salve, spero mi rispondiate.. dopo tre anni di relazione a distanza sono stata lasciata, il problema è che non riuscivo (riesco?) ad avere rapporti col mio ragazzo, mi veniva sempre da piangere o piangevo. Mi è capitato anche alla visita ginecologica, mi stavo informando per un colloquio con un esperto e il mio ragazzo mi ha lasciata poche ore dopo che glielo avevo detto, dicendomi che sta subendo questa cosa, ma che si sente comunque in colpa e allora ci sentiamo ogni tanto con sms, mi chiede come sto. Non so cosa fare. Lui sapeva che ho subito quindici anni fa molestie lievi ma ripetute e che poi alla mia prima esperienza ho trovato una persona uguale a quella che mi aveva.. non so cosa fare.

Cara Marta, se hai subito molestie in età così precoce, all’incirca intorno ai quattordici anni, è perfettamente naturale che il tuo approccio verso il sesso sia così difficoltoso. Sarebbe strano il contrario. Anche se definisci “lievi” le molestie che hai subito, è probabile che ogni volta che il tuo ragazzo ti si avvicinava, addirittura anche quando ti si è avvicinato il ginecologo, tu rivivessi in qualche modo un trauma che non hai ancora superato. Purtroppo le ferite lasciate dalle molestie sono, da un punto di vista psicologico, molto più durature di quelle fisiche, e non passano da sole, con il semplice passare del tempo, anche se a volte può sembrare che sia così. È importante che tu intraprenda un percorso di psicoterapia, volto ad affrontare questo aspetto, senza vergogna, senza paura; nella stragrande maggioranza dei casi gli psicoterapeuti sono persone abituate ad avere a che fare con situazioni di estrema delicatezza, delicatezza cui fanno ricorso nel rapportarsi a chi chiede loro aiuto. Molti auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 22/05/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni