Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ricordi d'infanzia (010446)

on . Postato in Sessualità | Letto 7 volte

Valentina, 30 anni

Buongiorno. Cercherò di essere breve sperando così di poter ricere un vostro parere su quanto segue.
Più volte mi tornano alla mente degli episodi particolari della mia infanzia a cui non riesco a dare un significato.
Ricordo degli episodi di me bambina intorno ai 6/7 anni che riguardano la sfera sessuale e non riesco a comprendere quali siano i fattori scatenanti certi comportamenti ed interessi.
Mi spiego. Io e il mio cuginetto della mia età, io che chiedo a lui di mostraci e toccarci reciprocamente le parti intime. Ricordo che a fare la richiesta ero sempre io e ricordo bene il giorno in cui quel mio cuginetto mi disse "non facciamo più,perchè altrimenti Gesù non è contento".
Ricordo di una compagna di scuola venuta a trovarmi e io che chiedevo di abbassarci le mutandine e mostraci le parti intime e chiedere a lei se il mio sederino era bello. Ricordo io che invitavo a fare lo stesso a scuola in bagno con le mie compagne e una volta con un compagno. Ma perchè? Alla mia veneranda età sono ancora vergine, ho avuto scarse esperienze sessuali e mai un rapporto completo. Per tanto tempo il sesso mi ha quasi fatto paura, non ne ho mai sentito il bisogno o forse l'ho sempre evitato. Soffro di disturbi alimentari da più di dieci anni e spesso quei pochi chili in più contro i quali ho lottato in realtà credo siano stati una sorta di corazza per impedirmi di avvicinarmi all'altro..nonostante i riscontri e gli apprezzamenti.
Ora le cose sono cambiate. Dopo le prime esperienze un po' più significative di avvicinamento, sento di avere bisogno di una vita sessuale, che per il momento non c'è.
Ma sto divagando. NOn riesco a dare un significato a quei miei comportamenti da bambina. So che anche i bambini manifestano degli interessi sessuali, vedi fase fallica freudiana..ma non mi sembra si tratti di questo, o almeno non solo di quello.
Concludo dicendo che ho perso il papà quando avevo tre anni. Non so se questo può avere in qualche modo un peso.
Quello che non riesco a togliermi dalla testa è la possibilità di aver subito degli abusi o delle attenzioni sessuali da parte di qualcuno, che io ho poi automaticamente rimosso. Sarebbe possibile?
Grazie infinite, spero vivamente in una vostra anche breve risposta.

Gentile Valentina,
è abbastanza normale che i bambini di quell'età si autosplorino tra loro e nel suo caso la cosa potrebbe essere stata solo più accentuata, potrebbe esserci anche una relazione con il trauma di suo papà perso all'età di 3 anni e di certo le sue vicessitudini fino ad oggi denotano comunque un aspetto di sofferenza verso la fisicità in generale,
ma se oggi sente di cercare una sua sessualità, approfitti di questo bisogno per ascoltarlo e per provare tramite una terapia ad hoc a colmare questi gap di cui parla, sicuramente troverà una soluzione. In bocca al lupo


( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

News Letters