Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ridere durante il rapporto (131139)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

S. ( ragazza) 25

Buongiorno, sto con una ragazza da 1 anno e qualche mese, sono molto innamorata e lei anche. L'unica cosa che non va nel nostro rapporto, anche se per ora non è niente di grave (ma non vorrei che lo diventasse), è che spesso, quando facciamo l'amore (sesso orale) e la mia compagna sta per venire,e di conseguenza comincia a gemere, ecco, senza sapere il perchè, io scoppio a ridere...bloccandole l'orgasmo, o comunque non permettendole di portarlo a termine...non ho idea del perchè questo succeda...ho provato a trovare un perchè ma non è niente di chiaro...posso dire di essere una ragazza molto empatica a livello sociale, relazionale, e sicuramente anche nel rapporto sessuale, probabilmente a livello quasi inconscio mi immedesimo molto in quello che sta succedendo alla mia ragazza (ne seguo il respiro, sento il suo addome che si contrae, ascolto l' "escalation" che poi la porterà al piacere..)...ma non posso dire che è questo che mi porta a ridere...perchè dovrei farlo? Non capisco, ho letto di persone che scoppiano a ridere (o a piangere) dopo l'orgasmo, ma in questo caso la situazione è opposta, l'orgasmo non lo sto avendo io; al contrario, quando capita che sia io a raggiungere il piacere, bè, non è mai capitato che mi venisse neanche lontanamente la voglia di scoppiare a ridere, fila tutto liscio. Lei è più giovane di me, di 4 anni. Non saprei che altro dire, solo che sembra che le sue urla di piacere mi inneschino una risata, e non è di certo una situazione piacevole, soprattutto per lei che magari si rattrista o le nascono paranoie inutili. Grazie, se doveste aver bisogno di altri dettagli sarò lieta di darveli. Spero mi chiarirete le idee, io non ne vengo a capo.

Cara S, il vostro rapporto, come tutti i rapporti anche eterosessuali, da quel che si può intravedere è ricco di complicità e confidenze ingredienti essenziali in un rapporto di coppia. La sessualità, come descritto ha esiti positivi da un punto di vista orgasmico, c'è da considerare il motivo del ridere il che non deve diventare paranoia poichè durante i rapporti ogni persona libera, può emettere qualsiasi suono o rumore. Il tuo ridere se proprio interessa capire cio che lo genera ti consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta sessuologo poichè può capire cosa avviene nella coppia durante il rapporto, secondo il mio parere c'è una immedesimazione, che è da verificare, ma non certo creare una paranoia. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 23/02/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters