Pubblicità

Ridere durante il rapporto (131139)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 173 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

S. ( ragazza) 25

Buongiorno, sto con una ragazza da 1 anno e qualche mese, sono molto innamorata e lei anche. L'unica cosa che non va nel nostro rapporto, anche se per ora non è niente di grave (ma non vorrei che lo diventasse), è che spesso, quando facciamo l'amore (sesso orale) e la mia compagna sta per venire,e di conseguenza comincia a gemere, ecco, senza sapere il perchè, io scoppio a ridere...bloccandole l'orgasmo, o comunque non permettendole di portarlo a termine...non ho idea del perchè questo succeda...ho provato a trovare un perchè ma non è niente di chiaro...posso dire di essere una ragazza molto empatica a livello sociale, relazionale, e sicuramente anche nel rapporto sessuale, probabilmente a livello quasi inconscio mi immedesimo molto in quello che sta succedendo alla mia ragazza (ne seguo il respiro, sento il suo addome che si contrae, ascolto l' "escalation" che poi la porterà al piacere..)...ma non posso dire che è questo che mi porta a ridere...perchè dovrei farlo? Non capisco, ho letto di persone che scoppiano a ridere (o a piangere) dopo l'orgasmo, ma in questo caso la situazione è opposta, l'orgasmo non lo sto avendo io; al contrario, quando capita che sia io a raggiungere il piacere, bè, non è mai capitato che mi venisse neanche lontanamente la voglia di scoppiare a ridere, fila tutto liscio. Lei è più giovane di me, di 4 anni. Non saprei che altro dire, solo che sembra che le sue urla di piacere mi inneschino una risata, e non è di certo una situazione piacevole, soprattutto per lei che magari si rattrista o le nascono paranoie inutili. Grazie, se doveste aver bisogno di altri dettagli sarò lieta di darveli. Spero mi chiarirete le idee, io non ne vengo a capo.

Cara S, il vostro rapporto, come tutti i rapporti anche eterosessuali, da quel che si può intravedere è ricco di complicità e confidenze ingredienti essenziali in un rapporto di coppia. La sessualità, come descritto ha esiti positivi da un punto di vista orgasmico, c'è da considerare il motivo del ridere il che non deve diventare paranoia poichè durante i rapporti ogni persona libera, può emettere qualsiasi suono o rumore. Il tuo ridere se proprio interessa capire cio che lo genera ti consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta sessuologo poichè può capire cosa avviene nella coppia durante il rapporto, secondo il mio parere c'è una immedesimazione, che è da verificare, ma non certo creare una paranoia. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 23/02/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

News Letters

0
condivisioni