Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Risposta orgasmica (300967)

on . Postato in Sessualità | Letto 4 volte

Giada 31

Buongiorno, vi scrivo per un "problema" che mi tormenta da qualche anno. Non ho mai avuto alcun problema nel raggiungere l'orgasmo durante i rapporti sessuali, ma negli ultimi anni è come se la mia risposta orgasmica fosse rallentata, cambiata. Premetto che ho avuto il mio primo rapporto sessuale a 17 anni con il mio primo amore, che poi ha continuato ad essere il mio unico uomo fino ai 25 anni. Con lui non avevo mai sperimentato nessun tipo di problema, e sia durante la penetrazione che con altre stimolazioni ho sempre raggiunto l'orgasmo in maniera intensissima e appagante, e la maggiorparte delle volte, se non sempre, in simultanea a quello di lui. Ho lasciato questo ragazzo dopo 8 anni di storia, inclusa convivenza, per una serie di motivi di incompatibilità che non mi dilungo a spiegare, e l'unica cosa che andava davvero a 1000 fra noi due era il sesso. Non c'era bisogno di parole, nè di giochi strani, nè di lunghi preliminari per arrivare ad un'eccitazione fortissima e totale, con un desiderio intensissimo di unione fisica(questo è successo sempre e anche dopo anni il mio livello di desiderio era rimasto inalterato). Ora invece mi ritrovo a dover comunque creare una certa situazione mentale particolare per eccitarmi (se il mio partner non si comporta come vorrei che facesse), raggiungo sempre l'orgasmo con la stimolazione orale, ma qualche volta, non riesco a farlo con la penetrazione. Con tutti i partner con cui sono stata dopo quello "storico" (eccetto uno)ogni volta durante il rapporto tendo a giudicare l'altro e a pensare che non si muova come dico io, che non faccia come io voglio, pretendo che mi legga nella testa per arrivare a farmi raggiungere certi picchi di piacere totale che credo di aver ormai dimenticato. Ho avuto un rapporto di 4 anni non totalmente soddisfacente a livello sessuale, in quanto il partner mi sembrava coinvolto soltanto fisicamente e non anche con testa e cuore. Tardava spesso ad avere un orgasmo e ciò mi lasciava come stremata e insoddisfatta, nel senso che più che un rapporto d'amore aveva l'aria d'essere un tour de force, una corsa estenuante per arrivare ad un traguardo. Ultimamente ho notato che la mia risposta orgasmica varia molto in base al mio stato emotivo, e il problema è che non riesco a sentirmi coinvolta totalmente anche se il partner in questione mi piace molto. Ultimanete ho una relazione con un ragazzo che mi piace moltissimo, e con il quale penso di non avere proprio tutti questi problemi a livello sessuale. L'unica cosa che mi disturba è che ho continuamente il fantasma della sua ex che mi disturba. Quando ancora la nostra storia non era definita, lui mi aveva raccontato che con lei aveav una fortissima intesa sessuale e che lei era una che continuava ad avere rapporti anche dopo il primo orgasmo. La mia risposta sessuale è sempre stata un po' diversa, nel senso che ho sempre avuto un unico intensissimo orgasmo simultaneo al partner dopo il quale entrambi appagatissimi e in estasi ci lasciavamo andare ad effusioni oppure io in stato di totale rilassamento mi addormentavo. Il fatto che lui fosse abituato ad una ragazza multiorgasmica e che lui possa fare confronti mi da veramente fastidio, anche perchè io non ritengo la quantità di orgasmi indice delalqualità di un rapporto, ma piuttosto la qualità di un estasi unica e totale che mi fa perdere il controllo seppur per qualche istante. Alla fine di tutte queste disquisizioni io mi sento come menomata per questo mio modo di essere, per il fatto che subito dopo un orgasmo raggiungo un tale stato di estasi che divento intoccabile, e per continuare ancora devo aspettare un po' o comunque per me è soddisfacente anche solo così. Il problema è che magari il mio nuovo ragazzo aspetta il mio orgasmo prima del suo, e il fatto è che dopo io non riesco a riprendere subito come una macchinetta e mi sento diversa per questo! Lui dice che la maggiorparte delle donne sono così, che hanno un orgasmo dietro l'altro, e questo mi fa sentire come diversa! Poi ho sempre lo spettro della sua ex che mi immagino ancora vogliosa per ore e mi chiedo se lui non faccia confronti. Lui dice che va bene anche come sono io, basta che poi non faccio come gli uomini che raggiungo il piacere e dopodichè cado a volte in un sonno profondo e mi allontano. Lui chiede almeno che io mi rilassi di fianco a lui, che non perd ail contatto fisico. Sono davvero confusa, sono io che sono sbagliata, e anormale, oppure sonno semplicemente due modi diversi di vedere la cosa. Il mio cruccio più grande è di non essere all'altezza della sua ex. Per favore, vorrei capire come cercare di non pensare più a queste cose, e a smetterla di molto nervosismo. Scusate ho scritto veramente d'impulso e sicuramente in maniera molto confusionaria ma non riesco a parlarne troppo a fondo e in maniera razionale neanche con lui perchè ho paura che pensi che non mi piace avere rapporti, ma non è così! Grazie se vorrete rispondermi.

Cara Giada stai trasformando questa relazione in una sorta di competizione con l'ex del tuo ragazzo e questo è sbagliato. Ogni legame affettivo è connotato da suoi aspetti peculiari e quindi è inutile affannarsi a voler riprodurre quello che non è riproducibile. Le emozioni e le sensazioni provate insieme non potranno mai essere paragonata a quelle sperimentate con gli altri partners, sono diversi gli attori di conseguenza anche le sensazioni, ma non per questo meno importanti. La donna può effettivamente avere orgasmi multipli durante lo stesso rapporto sessuale ma non è la norma. Dopo l'orgasmo il desiderio sessuale cessa ed è sostituito da una piacevole sensazione di rilassamento e di benessere psicofisico. L'uomo entra nel periodo refrattario mentre la donna se continua ad essere stimolata può avere altri orgasmi, essendo più lenta per lei la caduta dell'eccitazione, se questo non succede ma l'acme orgasmico produce l'effetto da te descritto puoi considerarti una donna più che fortunata.

(risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

News Letters