Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ruolo da amante o compagna (125402)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 22 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cate 39

Ho una storia tormentata con un uomo di 47 anni, separato da uno, dopo 20 anni di matrimonio. Ora non vuole storie impegnative in quanto afferma che ha già dato con la moglie ed i risultati non sono stati quelli sperati. Dice che se dovesse capitare d'incontrare un'altra donna, non si porrebbe il problema di dire no, ciò a suo parere lo avvicinerebbe a me. Sto iniziando con lui ad effettuare delle sperimentazioni sessuali che in precedenza non avevo mai fatto. Mi ha chiesto ad esempio di acquistare carota e cetriolo per lui e me. Ciò non mi crea imbarazzo in quanto per me la nostra è una storia e per di più con lui non ho problemi a sperimentare, ma il dubbio che mi è sorto è questo: il fatto che lui mi faccia queste richieste, che facciamo l'amore ovunque ci troviamo senza pensarci troppo, il fatto cioè di non avere problemi a seguire questi comportamenti può portarlo a vedermi solo come una donna con la quale fare "dei giochetti"? Ed inoltre, il fatto che non si voglia legare, dipende solo da paure o dal fatto che non è legato a me? Un paio di giorni fa' mi ha confessato di aver ricevuto sesso orale da una colombiana senza però avere un'erezione, è possibile che ci sia un legame tra di noi che lui non vuole vedere? Grazie

Cara Cate, sei veramente sicura che l'uomo descritto ti ami? O sei solo un giocattolo sessuale nelle sue mani? La domanda sorge spontanea poichè gli uomini non hanno lo stesso coraggio delle donne nell'affrontare relazioni, anche dopo dei fallimenti. Penso che abbia solo interessi sessuali il che se ci tieni ad assecondarlo nei suoi giochetti puoi liberamente farlo, se invece pensi che con ciò lo puoi legare a te, ho dei grossi dubbi, poichè il suo disturbo si avvicina molto a perversioni di parafilie non altrimenti specificate. Consiglio se vuoi capire le tue reali emozioni e scoprire se sei diventata sua dipendente, di consultare uno psicologo psicoterapeuta, chissà un giorno può farti anche la proposta di unirsi al club degli scambisti. Auguri

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 20/09/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Una relazione finita... in cli…

SammySun, 30     Salve, ho 30 anni e da un mese ho messo fine ad una relazione durata 2 anni e mezzo con un ragazzo della mia stessa età. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

News Letters

0
condivisioni