Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Semplice fantasia, nevrosi, o parafilia? (120700)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

anonimo 18

Salve a tutti. Per prima cosa mi congratulo con lo staff di Psiconline per questo utilissimo sito. Vi voglio qui esporre il mio problema: premetto che sono un tipo alquanto strano, non ho rapporti di amicizia "forte" coi miei conoscenti ("amici"), infatti mi giudicano asociale e noioso (poichè sono di poche parole e chiuso in certi casi). A casa siamo in 3: io, mia madre e mio padre, una famiglia normale direi. Ho una ragazza: sono eccessivamente possessivo, paranoico, esageratamente geloso e tendo a creare un dramma anche per le cose più futili (quasi ci trovo gusto). Infatti, le vieto molte cose, direi fin troppe, quasi le proibisco di uscire di casa e sono costantemente "ossessionato" dagli altri maschi (e direi anche suo cugino), i quali li considero miei potenziali nemici che potrebbero portarmela via in ogni momento. Anche se solo vede per strada un suo amico tendo a farne un dramma. Inutile dire che non ho fiducia in lei. Sono un tipo di poche parole a volte, strano e quasi asociale. Quando non sono in compagnia e ci sono persone le quali non mi vanno a genio (ad es. per motivi di rivalità), tendo a chiudermi ed isolarmi. Ho poca fiducia in me e mi sottovaluto moltissimo quasi allo sprezzo della mia immagine. Inoltre penso di essere affetto da alcune parafilie: mi eccita molto vedere una donna in bagno durante i suoi bisogni, specie se quello grande. Inoltre mi eccita tantissimo sentire una donna fare peti. L'unica persona che mi accontenta è la mia ragazza. A volte (e lo confesso), fantastico su cose simili. Mi spiego meglio brevemente: situazioni di sottomissione della donna ed arrecargli danni al fine di provocargli stimoli di defecazione molto forti (perette, clisteri, supposte, ecc.). Riassumendo, mi piacciono le donne mentre defecano e fanno peti. Sono un tipo estremamente violento: in apparenza sono totalmente calmo ed innocuo, ma basta davvero poco (anche il rumore di una gomma da masticare in bocca) per farmi letteralmente perdere il pieno controllo di me stesso e farmi arrabbiare. Durante questi miei "raptus" di meno di un minuto (li definisco così) divento pericoloso e sono pieno di adrenaline, carico, come se potessi fare qualunque cosa. Questa è la mia situazione e so bene che non è normale. In attesa di una vostra risposta vi porgo distinti saluti.

Caro anonimo, già il fatto che non esiste il coraggio di trascrivere il proprio nome, il che vuol dire non essere identificato, ha un suo significato. Leggendo il testo si intravede un soggetto disturbato psicologicamente, il che richiede, secondo il mio parere, una consulenza psicoterapica per fare una diagnosi precisa sul percorso da seguire. Per quanto riguarda la sessualità si intravedono varie parafilie non altrimenti specificate, ma quella che più sovrasta è la clismofilia. Quindi credo che con una buona analisi individuale si possano risolvere i problemi sopra esposti; se persistono disturbi di carattere sessuale necessita consultare un sessuologo, il che vuol dire esporsi e non rimanere anonimo, il tutto per ritrovare quella fiducia e autostima che sembra smarrita. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 02/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters