Pubblicità

Sesso (002793)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 69 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lara, 21 anni


Salve, il mio problema è che non riesco a raggiungere l'orgasmo se non quello clitorideo (dopo lunga stimolazione) ed è comunque piu difficile raggiungerlo durante un rapporto. Mi hanno detto che ci potrebbero motivazioni di tipo psicologico, uno di questi motivi potrebbe essere che io pensi troppo al mio partner durante il rapporto? Un altra motivazione alla quale sono giunta è che nonostante ora non abbia problemi con il sesso, da piccola ho visto i miei genitori avere rapporti. Ora so che è normalissimo, ma quando lo vidi per me fu sconvolgente, non so, forse a livello inconscio questo costituisce un blocco per me? Come potrei rimuoverlo?

Cara Lara molte volte la difficoltà nel raggiungere l'orgasmo è dovuta alla poca attenzione che si pone alla fase dei preliminari. Molto spesso si arriva alla penetrazione quando ancora non si è raggiunta una buona eccitazione che nella donna provoca il fenomeno della vasocongestione con relativa lubrificazione. Potresti, con la complicità del tuo partner, provare a giocare con il corpo prolungando il tempo e utilizzando modalità diverse da quelle a voi abituali. Il corpo della donna, a differenza di quello dell'uomo, ha molti punti erotici che se stimolati a dovere contribuiscono in modo determinante a far si che il coito si concluda con l'orgasmo. Per ottenere dei risultati è importante che raggiungiate un buon livello di confidenza così da potervi confidare liberamente quali sono le pratiche che vi stimolano maggiormente aumentando la risposta sessuale. Qualora non riuscissi ad ottenere un miglioramento dovrai rivolgerti ad un esperto, in quella sede avrai modo di poter esporre la tua teoria in merito all'insorgenza della sintomatologia. Auguri.

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

News Letters

0
condivisioni