Pubblicità

Sesso (002793)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 35 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lara, 21 anni


Salve, il mio problema è che non riesco a raggiungere l'orgasmo se non quello clitorideo (dopo lunga stimolazione) ed è comunque piu difficile raggiungerlo durante un rapporto. Mi hanno detto che ci potrebbero motivazioni di tipo psicologico, uno di questi motivi potrebbe essere che io pensi troppo al mio partner durante il rapporto? Un altra motivazione alla quale sono giunta è che nonostante ora non abbia problemi con il sesso, da piccola ho visto i miei genitori avere rapporti. Ora so che è normalissimo, ma quando lo vidi per me fu sconvolgente, non so, forse a livello inconscio questo costituisce un blocco per me? Come potrei rimuoverlo?

Cara Lara molte volte la difficoltà nel raggiungere l'orgasmo è dovuta alla poca attenzione che si pone alla fase dei preliminari. Molto spesso si arriva alla penetrazione quando ancora non si è raggiunta una buona eccitazione che nella donna provoca il fenomeno della vasocongestione con relativa lubrificazione. Potresti, con la complicità del tuo partner, provare a giocare con il corpo prolungando il tempo e utilizzando modalità diverse da quelle a voi abituali. Il corpo della donna, a differenza di quello dell'uomo, ha molti punti erotici che se stimolati a dovere contribuiscono in modo determinante a far si che il coito si concluda con l'orgasmo. Per ottenere dei risultati è importante che raggiungiate un buon livello di confidenza così da potervi confidare liberamente quali sono le pratiche che vi stimolano maggiormente aumentando la risposta sessuale. Qualora non riuscissi ad ottenere un miglioramento dovrai rivolgerti ad un esperto, in quella sede avrai modo di poter esporre la tua teoria in merito all'insorgenza della sintomatologia. Auguri.

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni