Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso (012529)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Simona,30 anni

Il mio compagno, ormai ex, è ossessionato da internet, in particolar modo dai siti porno e dalle chat con web cam...lui in cam compare esclusivamente nudo e cerca solo donne con lo stesso suo interesse. La sua ossessione è quotidiana, la masturbazione credo anche, ma non ne ho la certezza, comunque è molto frequente. Con me, come con la sua ex compagna, non riesce ad avere erezioni frequenti, a volte riesce, ma il più delle volte va in ansia, inizia a tremare e suda fingendo che tutto vada bene. Rivolgendosi ad un esperto questo gli ha prescritto viagra e simili, e lui da quel giorno ne fa uso continuo falsificando le ricette.Ogni volta che pensa che potremmo forse avere un rapporto ne fa uso, e spesso me lo nasconde per vergogna.
Ho provato a tranquillizzarlo, a parlargli in ogni modo, ad assecondarlo nelle sue fantasie erotiche sempre un pò violente e di sottomissione verso la donna sperando di distoglierlo da internet e soddisfarlo di più nei suoi gusti, ma lui continua la sua "seconda vita" nascondendomi tutto e tenendomi al di fuori. Lui sostiene di non avere problemi, che sono tutti come lui, ma che gli altri non lo ammettono, che il suo problema lo ha risolto con le pastiglie. In risposta al suo comportamento mi sono ossessionata io nel cercare le cose che mi nascondeva, controllando ogni giorno il computer in cerca di qualcosa che non sapevo e cercando una soluzione parlandogli continuamente. In fine ho perso completamente il desiderio sessuale e non sono più riuscita ad avere rapporti con lui. Per mettere fine alla mia ossessione, che mi stava facendo impazzire, ho dovuto lasciarlo. Lui non ha mai dato alcun segno di voler provare a risolvere il problema, lui dice che non può fare a meno della sua ossessione perchè fa parte di lui, che lui è così.
Vorrei una vostra opinione su di lui, sono distrutta e mi sento impotente. Gli uomini hanno fantasie e desideri diversi dalle donne, e questo si sa, ma la sua mi sembra una vera mania. Sono io esagerata, anche se non lo penso, o lui ha dei seri problemi? Avrei potuto accettare le pastiglie se fossi stata certa di un suo problema organico o altro, ma non la sua ossessione.

Gentile simona, credo che il problema del suo ex sia la sexual addiction detta anche dipendenza sessuale, ovvero la ricerca continua ed ossessiva di pratiche sessuali estreme che spesso e volentieri nasconde, come nel suo caso, anche un disturbo sessuale come il deficit erettile oltre che un problema di dipendenza emotiva.
In questi casi la persona non deve smettere di fare sesso ma dovrebbe, grazie ad una terapia sessuale ad hoc, cercare di approcciarvisi con modalità differenti per arrivare ad una autonomia affettiva, cosa che manca alle persone con questo problema che invece sono totalmente sopraffatte dalla loro dipendenza tanto da non ruscire più a vivere e ad avere rapporti sociali normali, pensi ad una qualsiasi altra dipendenza come la droga o l'alcol.
In questi casi una terapia di gruppo con persone con gli stessi problemi (del tipo alcolisti anonimi) può essere utile a questi pazienti. spero di averla in parte aiutata.


( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

News Letters