Pubblicità

Sesso (012529)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 21 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Simona,30 anni

Il mio compagno, ormai ex, è ossessionato da internet, in particolar modo dai siti porno e dalle chat con web cam...lui in cam compare esclusivamente nudo e cerca solo donne con lo stesso suo interesse. La sua ossessione è quotidiana, la masturbazione credo anche, ma non ne ho la certezza, comunque è molto frequente. Con me, come con la sua ex compagna, non riesce ad avere erezioni frequenti, a volte riesce, ma il più delle volte va in ansia, inizia a tremare e suda fingendo che tutto vada bene. Rivolgendosi ad un esperto questo gli ha prescritto viagra e simili, e lui da quel giorno ne fa uso continuo falsificando le ricette.Ogni volta che pensa che potremmo forse avere un rapporto ne fa uso, e spesso me lo nasconde per vergogna.
Ho provato a tranquillizzarlo, a parlargli in ogni modo, ad assecondarlo nelle sue fantasie erotiche sempre un pò violente e di sottomissione verso la donna sperando di distoglierlo da internet e soddisfarlo di più nei suoi gusti, ma lui continua la sua "seconda vita" nascondendomi tutto e tenendomi al di fuori. Lui sostiene di non avere problemi, che sono tutti come lui, ma che gli altri non lo ammettono, che il suo problema lo ha risolto con le pastiglie. In risposta al suo comportamento mi sono ossessionata io nel cercare le cose che mi nascondeva, controllando ogni giorno il computer in cerca di qualcosa che non sapevo e cercando una soluzione parlandogli continuamente. In fine ho perso completamente il desiderio sessuale e non sono più riuscita ad avere rapporti con lui. Per mettere fine alla mia ossessione, che mi stava facendo impazzire, ho dovuto lasciarlo. Lui non ha mai dato alcun segno di voler provare a risolvere il problema, lui dice che non può fare a meno della sua ossessione perchè fa parte di lui, che lui è così.
Vorrei una vostra opinione su di lui, sono distrutta e mi sento impotente. Gli uomini hanno fantasie e desideri diversi dalle donne, e questo si sa, ma la sua mi sembra una vera mania. Sono io esagerata, anche se non lo penso, o lui ha dei seri problemi? Avrei potuto accettare le pastiglie se fossi stata certa di un suo problema organico o altro, ma non la sua ossessione.

Gentile simona, credo che il problema del suo ex sia la sexual addiction detta anche dipendenza sessuale, ovvero la ricerca continua ed ossessiva di pratiche sessuali estreme che spesso e volentieri nasconde, come nel suo caso, anche un disturbo sessuale come il deficit erettile oltre che un problema di dipendenza emotiva.
In questi casi la persona non deve smettere di fare sesso ma dovrebbe, grazie ad una terapia sessuale ad hoc, cercare di approcciarvisi con modalità differenti per arrivare ad una autonomia affettiva, cosa che manca alle persone con questo problema che invece sono totalmente sopraffatte dalla loro dipendenza tanto da non ruscire più a vivere e ad avere rapporti sociali normali, pensi ad una qualsiasi altra dipendenza come la droga o l'alcol.
In questi casi una terapia di gruppo con persone con gli stessi problemi (del tipo alcolisti anonimi) può essere utile a questi pazienti. spero di averla in parte aiutata.


( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni