Pubblicità

Sesso (019443)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 33 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Antonio, 25 anni

Salve,sono un venticinquenne di carattere sensibile, a volte di poche parole.Nonostante ciò ho avuto e sto avendo molte soddisfazioni sia nel campo lavorativo che affettivo ed amoroso.Nell'ambito sessuale però considero strano, nonostante le mie partners lo neghino, il fatto di provare da sempre esclusivo piacere per una parte del corpo femminile,le unghie. Mi piacciono lunghe ed appuntite. Non so se ciò è definito feticismo. Questa perversione è però molto radicata in me, tanto da essere un parametro fondamentale nella scelta e nel giudizio che esprimo verso l'altro sesso.La mia indole razionale e "illuministica", critica, fa sì che questo mio modo di essere in ambito sessuale mi metta in difficoltà.Gradirei sapere qualcosa in merito, quali sono le cause e l'impostazione mentale per superare questa perversione.Sperando in una risposta,ringrazio anticipatamente

Gentile Antonio, per definire tale una parafilia, in genere un parametro fondamentale da considerare è se sia l’unico modo per raggiungere l’eccitazione. Nel suo caso specifico, se il suo interesse per le unghie femminili le impedisce attività sessuali che non abbiano specificamente a che fare con le unghie, si potrebbe configurare una parafilia. Comunque, che la sua sia o meno una parafilia, io le consiglierei di consultare uno psicoterapeuta, in modo da poter scoprire le cause di questa situazione e trovare il modo migliore per superarla. Auguri

(risponde la dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni