Pubblicità

Sesso (069143)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 47 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sergio 18 anni, 3.01.2004

Salve, sono un ragazzo di 18 anni, sono fidanzato da 3 anni e ho un problema.
Quando ho provato per la prima volta a fare sesso con la mia ragazza, a causa dell'ansia da prestazione, al momento di mettere il preservativo il mio pene ha "ceduto".
A causa della paura di ripetermi, anche le tre volte successive è andato a finire come la prima volta.
Ora ho davvero tanta paura di ripetermi, e non voglio fare sesso per questo. Come posso risolvere il problema? Grazie della gentile attenzione. Sergio

Caro Sergio questo momento la paura dell'insuccesso ti impedisce di agire con naturalezza ma, se vuoi, puoi provare a metterti di nuovo in gioco.
Un'erezione persa non è la fine del mondo, come se ne va ritorna. Se tra te e la tua ragazza c'è una buona intimità e complicità una cosa che puoi fare, per prendere confidenza con le reazioni del tuo pene, è un esercizio che si chiama "stop- start".
L'esercizio consiste nel raggiungere l'erezione mediante stimolazione manuale da parte della partner. Raggiunta l'erezione, prima di raggiungere l'imminenza eiaculatoria, si interrompe la stimolazione fin quando il pene non perde gran parte dell'erezione e poi si ricomincia la stimolazione.
Questa operazione si ripete tre volte, la terza volta si può continuare fino a raggiungere l'orgasmo. Puoi ripetere questo esercizio per due tre settimane, poi puoi cominciare ad avere rapporti completi.
Questo dovrebbe aiutarti a non temere la scomparsa dell'erezione permettendoti di arrivare alla penetrazione in maniera più rilassata. Ti ricordo che per arrivare alla penetrazione con una buona erezione è sempre bene dare molto spazio ai preliminari.
Questo suggerimento se seguito con serenità potrebbe esserti d'aiuto ma se non ti senti in grado di metterlo in pratica ti consiglio di consultare uno psicosessuologo che è la persona deputata a risolvere questo tipo di sintomatologie.
Consultando il sito "psicologi italiani" puoi trovare lo specialista che fa al caso tuo. In genere i trattamenti di questo tipo hanno prognosi positiva e sono di breve durata. Auguri
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni