Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso (111463)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 26 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia 24

Ho 24 anni e sono ancora vergine pur avendo avuto delle storie abbastanza durature e tuttora ne sto vivendo una importante da 3 anni con un uomo di 13 anni più grande di me. Non ho avuto rapporti sessuali completi (intendo con penetrazione), ma ci limitiamo perchè per me la verginità è importante, anche per dei valori tramandati dalla mia famiglia e quindi vorrei farlo dopo il matrimonio. Il mio fidanzato, anche se a malincuore, ha accettato questo mio volere, ma il problema è che io non accetto che lui abbia avuto esperienze sessuali da quando aveva circa 7 anni, in pratica da bambino, e che da allora ha avuto diversi rapporti sessuali anche con ragazze con le quali non ha iniziato storie, ma sono state solo conoscenze fisiche di poco tempo, ha fatto sesso con loro ed io quando ci penso soffro tanto perchè non lo accetto; per questo litighiamo a volte, perchè credo nell'amore vero e non accetto che il mio uomo, che amo, in alcune situazioni abbia fatto sesso e non l'amore come invece vorrei fare io. Delle sue ex fidanzate non sono gelosa, ma mi fa male sapere che ha conosciuto il sesso da quando aveva solo 7 anni e che abbia fatto a volte sesso senza amore con donne che non conosceva bene.

Cara Claudia, penso che il fatto di aver conosciuto il sesso fin dall'età di 7 anni dovrebbe far male in primis al suo compagno. Non è certo quella l'età giusta per conoscere una sessualità adulta e se fossi in lei mi chiederei se per caso questa esperienza non sia stata più traumatica di quanto lui voglia farle credere. Per quanto riguarda le sue esperienze con la sessualità adulta, quello che mi sento di dirle è che ognuno ha i propri valori e tutti devono essere rispettati. Il suo compagno la sta rispettando nella sua scelta di non fare sesso prima del matrimonio, anche se la verginità è un valore che non condividete.. mi chiedo perchè lei non riesca a fare altrettanto. Addirittura scrive di amarlo, ma di non riuscire ad accettarlo. E' assolutamente normale che una persona, da una certa età in poi (a meno che non abbia scelto la castità) porti con sè un bagaglio di esperienze sessuali, non c'è nulla di male in ciò. E' possibile che dietro questa sua non accettazione ci sia qualcos'altro, Claudia? Ci rifletta. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 07/12/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters

0
condivisioni