Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso (114150)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Anonimo 21

Salve, sono una ragazza di 21 anni che ha un grosso problema: non riesco a fare sesso. Sono bloccata e non capisco da cosa; non ricordo di aver avuto traumi da piccola. All'inizio credevo fosse per la paura del male, ma non credo sia tanto quella; non ho proprio voglia, non me ne frega di sapere cosa si prova. Poi, facendo "petting" con il moroso, ho notato di provare una bella sensazione "sfregandomi" contro di lui e credo sia l'orgasmo del clitoride, ma questa sensazione io la sento dall'asilo! Non sto scherzando, ricordo esattamente che una mattina mia madre mi svegliò, io ero a pancia in giù e inziai, non so perchè, a sfregarmi, da quel momento non ho più smesso, mi sfregavo con un cuscino e provavo questo piacere che durava pochissimo. Ora ho 21 anni e mi "sfrego" con il dito... guardo video... mi sento anormale, mi sento come un uomo. Credo che masturbarsi sia normale, ma da quando ero all'asilo? E perchè non voglio fare sesso? Aiuto, credo di non essere normale!

Mia cara, i bambini fin dalla primissima infanzia, attraverso la manipolazione dei genitali, sperimentano il piacere sessuale, una volta scoperto che toccando o sfregando determinate zone si ottengono sensazioni piacevoli ripetono questa esperienza ogni volta che lo desiderano. Tieni presente che molti individui praticano l'autoerotismo sempre, anche quando hanno una vita sessuale appagante. La sensazione che ho avuto leggendo la tua lettera è che il fulcro del problema non è nella sessualità, ma nella relazione, nella tua incapacità di percepire l'altro come entità importante per un coinvolgimento affettivo. Il rapporto sessuale non può essere decontestualizzato dall'emotività, in quanto togliendo questa rimane la mera attività fisica che consente di raggiungere uno scopo paragonabile a quello raggiungibile attraverso la mastubazione. Ipotizzo che per arrivare a considerare il rapporto sessuale un momento di grande intesa psico-fisica tu debba cominciare a pensare l'altro in termini di vicinanza affettiva. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 20/02/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters