Pubblicità

Sesso (116165)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 55 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giorgia 36

Salve, sono una donna di 36 anni con due bambini meravigliosi e un marito. Vengo subito al problema: il sesso. Credo sia importante fare un quadro della situazione. Ho avuto la mia prima esperienza sessuale a 17 anni: esperienza non molto soddisfacente a dire il vero ma poi, sempre con lo stesso ragazzo, abbastanza normale. La storia è finita per mancanza di trasporto verso di lui. Seconda esperienza con un ragazzo particolare, due anni di storia con rapporti più o meno regolari e per me non più di un paio di orgasmi. Questa seconda storia finisce con mia grande disperazione. Poi la rinascita: inizio a frequentare un ragazzo bellissimo (idolo di molte e anche mio), disinibito, passionale, coinvolgente e per la prima volta scopro la bellezza e la soddisfazione di fare sesso. Il nostro rapporto inizia all'insegna della passione ma, a un certo punto, inizia anche il declino. La prima volta che mi nego scopro il risvolto della medaglia. Scopro un uomo incapace di accettare un benchè minimo rifiuto, un uomo col suo bel bagaglio di problematiche esistenziali nascoste dietro quella maschera perfetta di superuomo. Rimango coinvolta e la nostra storia va avanti tra mille litigi anche violenti. Lui sa scusarsi subito dopo avermi maltrattata psicologicamente e fisicamente e annientata con il suo modo di fare. Lui non può farci niente, si dispera, mi implora e io lo perdono ogni volta. Questo ragazzo ora è un uomo di 37 anni ed è mio marito da 10. Io sento di amarlo o almeno credo, molte cose sono cambiate, lui è molto meno violento (è stato anche in terapia per 2 anni) ma il mio problema è che non ho mai voglia di fare sesso con lui. Lo faccio perchè devo, perchè altrimenti si aziona un meccanismo di insoddifazione che ci porta a litigare. Durante tutti questi anni mi sono detta: "Mi passerà, è perchè non mi da modo di rilassarmi". Non desidero altri uomini, ne qualsiasi altro sfogo sessuale. Non desidero il sesso e basta. Ma quando capita che si sta senza farlo per via dei litigi mi capita di fare sogni erotici. Sono molto confusa, in questo periodo mi sembra che tutto mi crolli addosso e anche questa situazione mi riesce sempre più difficile. Vedete, il giorno di San Valentino mi sarebbe piaciuto regalare a mio marito una serata di sesso appassionato, magari con un nuovo completino intimo, ma sarebbe stata una forzatura. Sento come se avessi un blocco. Cosa devo fare? Grazie dell'attenzione.

Cara Giorgia, non mi sembra ci sia nulla di particolarmente strano nel non aver voglia di fare sesso con una persona che ti ha molto maltrattata (anche fisicamente, mi par di capire). È molto probabile che tu abbia deciso di fidarti di lui, anche perché lui ha fatto qualcosa per te, in modo consapevole; ma in un certo senso il tuo corpo non si fida, si ribella a tutto ciò. Il male che lui ti ha fatto in passato forse ha lasciato delle ferite profonde dentro di te; considera anche che fare l’amore con una persona è una delle cose che richiedono maggiore fiducia e maggiore abbandono, come può il tuo corpo abbandonarsi a tuo marito se non si fida? E’ possibile che questa situazione sia determinata da qualcosa dentro di te che non è stato metabolizzato ed elaborato a dovere. Penso che un percorso terapeutico di coppia potrebbe esservi molto utile per capire se sia così e superare questa impasse. Molti auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicato in data 16/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

News Letters

0
condivisioni