Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso (148468)

on . Postato in Sessualità | Letto 3 volte

Giulia 28

 

Buongiorno,
sono una ragazza di 28 anni, laureata in giurisprudenza, lavoro nel settore legale di una grande azienda e a dicembre sosterrò l' esame per l'abilitazione alla professione di avvocato. Sono fidanzata da 6 anni ed in primavera mi sposerò.
In questi 6 anni con il mio fidanzato ed a causa di quella che io ho sempre ritenuto una innata pigrizia e uno scarso interesse per il sesso sotto tutti i punti di vista, abbiamo sempre avuto pochi rapporti sessuali (circa 2 al mese); ultimamente invece sono circa 3 mesi che non ci proviamo nemmeno e anche per me è diventato difficile perche non lo vivo più come una cosa naturale. Per lui il sesso è sempre stato solo una fatica, non si e mai "impegnato" e non ha mai di dimostrato fantasia, inoltre non prova mai a baciarmi, a strusciarsi, a toccarmi, ed infine o si hanno rapporti completi oppure non considera minimamente tutti gli altri risvolti.
Desidero, infine, aggiungere che al di fuori di questo problema non ne abbiamo altri, siamo davvero molto affiatati e felici, lui è molto affettuoso, presente  dolcissimo, non ho mai dubitato di lui non mi ha mai mentito ne tradito.
Grazie.

 

 

Cara Giulia,
dal racconto si evince che fra voi c'è poca attrazione sessuale e questo può essere un problema poichè la sessualità in una coppia stabile è una parte di collegamento fra il sentimentalismo e la razionalità.
Preso atto che fate poco all'amore, la media per una coppia come voi è di due/tre volte settimanali non al mese, quindi senza dubbio esistono problematiche che secondo il mio parere sono da affrontare con serena convinzione di risolvere il problema.
Inoltre sembra che siate più due colleghi che due amanti cosa indispensabile in una coppia.
Consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta sessuologo per capire da dove nasce questo blocco di disturbo del desiderio, da questa terapia possono emergere tanti risvolti che possono farvi evolvere in altrettante decisioni sia positive sia negative per la coppia e la felicità di entrambi.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 04/01/2012
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters