Pubblicità

sesso (42295)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 199 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Davide , 19anni (23.8.2001)

 

Salve mi chiamo Davide e sono della Prov di Torino , volevo porle una domanda spero che possa rispondermi.Intanto le dico che ho 19 anni la mia ragazza 16 stiamo insieme da 2 mesi e mezzo. L'altro ieri la mia ragazza di nome Federica ha deciso che era pronta per fare sesso , ora io avrei un pò di domande da farle.

1. Forse ho un problema , cmq a parte l'erezione che credo sia più che normale la mia eiaculazione credo che vada un pò di fretta perchè diciamo che sono bastati una decina di movimenti ed era già tutto finito, la domanda è che posso fare per moderare la mia eiaculazione ?

2. Io ero vergine fino all'altro ieri , perciò volevo chiederle , essendo vergine pure lei e giusto che non abbia perso nemmeno un pò di sangue?Ora volevo chiederle un'altra cosa priva di provare a fare l'amore io e la mia ragazza avevamo un rapporto diverso , diciamo di masturbazione reciproca , però lei ha difficoltà a godere , arrivata poi ad un certo punto serra le gambe e nn vuole che io continui e nn arriva all'orgasmo , mi chiedo perchè?Potrebbe essere sintomo di qualche malattia? O e colpa mia? non saprei che fare!

 

Caro Davide all'inizio dell'attività sessuale le cose non vanno sempre come si desidera. Hai preso la patente? Se l'hai presa sai che all'inizio la difficoltà maggiore è l'ansia che ci prende all'idea di dover coordinare i movimenti per guidare senza scossoni e senza far spegnere il motore. La stessa cosa avviene con la sessualità. Vedrai che andando avanti ti rilasserai e troverai i tuoi tempi.

R.2 Non sempre con il primo rapporto si ha la perforazione dell'imene. In alcuni soggetti l'imene è parziale o inesistente, altri, in virtù dell'elasticità del tessuto e l'ampiezza della vagina, possono avere rapporti mantenendo la verginità. L'imene è una membrana di tessuto connettivo che copre parzialmente l'orifizio vaginale lasciando aperta una piccola fessura per il passaggio del sangue mestruale. Può avere forme e caratteristiche diverse, la forma più comune è quella anulare o perforata. La rottura di questa membrana, provocata dall'introduzione del pene in vagina, generalmente provoca l'emissione di sangue che a seconda delle caratteristiche della stessa può essere più o meno abbondante. Alcuni fattori come: l'elasticità, la resistenza, lo spessore e la posizione dell'imene stesso sono determinanti affinchè si verifichi o meno la sua rottura. Un imene molto elastico può non rompersi come pure un imene molto spesso.

R.3 Non vorrei che la stimoli in maniera eccessiva. Questo modo di operare, dopo un iniziale sensazione di piacere, potrebbe innescare il dolore. La clitoride è molto sensibile e stimolazioni eccessive portano appunto al dolore o comunque a sensazioni sgradevoli che possono far perdere il desiderio di andare oltre. Per non avere dubbi su quello che vi piace fare durante il rapporto dovete imparare a comunicare, vedrai che questo vi aiuterà ad avere più confidenza e a procedere con maggiore sicurezza.

Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni