Pubblicità

sesso (43561)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 241 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gianluca, 26anni (20.9.2001)

Salve mi chiamo Gianluca e ho 26 anni..il mio problema dura ormai da 5 anni da quando ho lasciato la mia fidanzata.Troncando il rapporto mi lasciai alle spalle solo la sua persona ma non il malessere che era in me.una situazione che mia portato a una tale depressioe che vedevo come unica via di uscita il suicidio.Devo premettere pochi giorni prima della fine della storia mi capito di avere così per caso una erezione alla vista di un uomo cosa che mi turbo molto.Da quei giorni non ebbi per la bellezza di 6 mesi alcun desiderio sessuale.Fatto sta che iniziai a lavorare e conobbi un ragazzo con il quale mi ci trovavo bene ma niente di più.Allora cominciai a pensare di essere omossessuale e questo pensiero divento sempre più forte.
In questo periodo subentro un'altra cosa: ogni volta che vedevo una qualsiasi persona maschile (adulta o non ), accusavo un forte dolore al pene.Andai da una pscologa che mi fece iniziare una cura contro la depressione e mi diagnosticò un forma di ossesione compulsiva.Dopo qui 6 mesi famosi conobbi un ragazza con la quale ebbi dei rapporti sesssuali.La storia ando avanti per circa 4 mesi. devo sottolineare che il rapporto che avevo con lei era quasi ragazza=sesso, e questo mi portava a avere rapporti sessuali quando potevamo 5 volte al giorno.Dopo questa ragazza ho avuto altri rapporti sessuali con altre ragazze.
Con l'ultima di quelle ragazze la storia è finita un mese fa.Lei abita a palermo ed io a firenze.questa storia è andata avanti per 3 anni ed il rapporto se pur pesante dal punto di vista della lontanaza pieno di amore e di sesso anche se devo dire che non mi riusciva pur volendo avere erezioni con nessun altra ragazza.Ora però che anche con lei è finita mi ritrovo ad essere in una sorta di limbo senza più desideri ne fantasie sessuali, con i soliti dolori al pene e con una forma di attrazione verso una persona maschile ma senza erezione.Se questa diciamo attrazione maschile non mi coinvolge sessualmente è posssibile eliminarla?L'erezeione che ebbi alla vista di quella persona può essere un caso portato dalla situazione stressante del momento o ha una sua importanza sul presente?Cosa ne pensate e cosa posso fare?

Caro Gianluca credo che tu abbia paura di scoprire che sei sessualmente attratto dagli uomini piuttosto che dalle donne. In tutti questi anni hai continuato ad avere rapporti sessuali con diverse ragazze in modo "compulsivo" per convincerti che quelle sensazioni, che tanto ti spaventato, siano da eliminare. E quale risultato hai avuto? Quello di non avere più fantasie, ne desiderio ma solo attrazione e ti pare poco? Fermati un attimo e scruta bene in te ma senza pregiudizi per capire quali sono le tue preferenze sessuali.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters

0
condivisioni