Pubblicità

SESSO (64312)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 39 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giuseppe 15 anni, 17.05.2003

Ciao spero che possiate aiutarmi a capire cosa mi succede,io sono un ragazzo che freguenta il secondo anno di Superiori, ho una vita normale, gioco a pallone in una squadra, ho molti amici una Famiglia una sorella di 9 anni e uno zio di 31 anni fratello di mia mamma.
Ecco io con lui spesso vado a pescare un pomeriggio che stavamo pescando lui mi ha detto che ero un ragazzo grande e che lui alla mia eta stava con le ragazze, poi mi ha chiesto se io mi toccavo il pene dopo mi ha detto che aveva dei giornalini porno che abbiamo visto insieme io ho avuto subito l'erezione lui si e messo il pene in mano e si faceva la sega poi mi ha detto di farlo anche io a detto che gli amici lo fanno senza problemi, poi mi ha preso il pene in mano e mi ha fatto uscire lo sperma mentre anche lui aveva l'orgasmo , dopo mi ha detto di non dirlo a nessuno manco hai miei amici.
Ora tutte le volte che ci vediamo lui mi tocca il pene dice che sono bello e che lo eccito molto mi prende il pene in bocca e certe vote mi fa avere lorgasmo nei pantaloni perche mi strofina e io ci sto, ho paura di essere anormale perchè lui è maschio e poi e mio zio.
Per favore aiutatemi perchè non ci capisco niente so solo che se mi toccva il pene io ci provo molto piacere .Grazie da un ragazzo

Capisco il tuo turbamento e lo stato d'animo che si crea ogni volta che avvengono i contatti, però devo dirti che questo zio si sta comportando in modo sbagliato.
Lui è un adulto che si sta approfittando di un minorenne (è anche perseguibile penalmente), tutti i dubbi che hai di essere anormale sono frutto di questa situazione (i tuoi impulsi sono normalissimi, solo la circostanza non è adatta).
La tua scoperta del piacere autoerotico è avvenuta in maniera costrittiva e questo non ti aiuta a maturare uno sviluppo lineare nei confronti della sessualità.
E' una situazione che comporta molte difficoltà e ti consiglio di porre un freno e di distaccartene.
Se puoi, parlane con qualcuno di cui ti puoi fidare e che ti sappia dare aiuto a chiarirti tutti i dubbi (un genitore che sa ascoltarti e darti una mano vera, sarebbe l'ideale, per quanto la strada è una strada in salita...).
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni