Pubblicità

Sesso di coppia (139548)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 27 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Steve 39

Salve, ho 39 anni sposato da 10. Nell'anno precedente il martiomonio io e la mia compagna eravamo un fuoco di sesso. Lo facevamo spesso ed ero completamtne appagato. Dopo il matrimonio le cose sono subito cambiate. Subito è rimasta incinta e da lì abbiamo smesso di avere rapporti orali, lo facciamo senza luce e anche poco (una volta a settimana quando non ci sono le mestruazioni altrimenti saltiamo). Io ho provato a parlarne ma finiamo sempre per litigare e quindi da qualche anno non ne parlo più, ma la cosa mi sta frustrando. Abbiamo 2 bambini. Quando lo facciamo troviamo piacere, ma lei non vuole farsi baciare nelle parti intime e molto molto raramente (al massimo una volta ogni 6/7 mesi) mi dà qualche bacetto fugace al mio pene. Questa cosa mi fa proprio stare male. sto iniziando a pensare di separarmi ma comunque non riesco a parlarne. Quando ho desiderio sessuale non riesco a farglielo capire e sto zitto quindi mi innervosisco e finiamo per litigare magari anche per altre cose con la conseguenza che stiamo più tempo senza farlo. Penso di avere il diritto di avere una vita sessuale che mi soddisfi e non capisco come mai lei non senta questo bisogno. Escludo l'ipotesi che lei abbia un'altra persona, penso che per lei sia sufficiente solo la penetrazione al buio e una volta alla settimana. Per me non è così e non riesco a parlarne con nessuno. I primi anni ho dato la colpa al fatto di avere bambini piccoli, che lei era diventata mamma e quindi c'era meno interesse sessuale, ma da un paio di anni non sopporto questa situazione. Secondo voi se mi separo e con il tempo (e magari un po' di fortuna) ritrovo una partner posso riacquisire la mia felicità, o il mio problema, oltre a quello di insoddisfazione, deriva dall'incapacità di affrontarlo all'interno della coppia? Vi prego di rispondermi in maniera serena e soprattutto chiara.

Caro Steve, separarsi per una problematica come quella descritta, non mi sembra il caso poichè ci possono essere spazi di miglioramento sia sessuale sia relazionale. Avere rapporti una volta alla settimana rientra nella media naturale, non c'è da scandalizzarsi per una coppia stabile, io mi preoccuperei se avvenisse tre o quattro volte poichè c'è nascosta qualche parafilia non altrimenti specificata. Da quel che emerge è che sono cambiate le situazioni di comportamento sessuale dopo il matrimonio e in special modo dopo le gravidanza al punto tale di non avere, se non sporadicamente, rapporti orali. Credo che all'interno della vostra coppia stia mancando la comunicazione, la complicità e confidenza ingredienti necessari per poter vivere una relazione sessuale soddisfacente. Io consiglio che come coppia affrontiate il problema con l'aiuto di uno psicoterapeuta che possa aiutarvi in primo luogo a capire quale è la vostra relazionalità, successivamente, se le cose non dovessero migliorare da un punto di vista sessuale, forse sarebbe il caso di consultare un sessuologo iscritto all'albo presso la società italiana di sessuologia scientifica che può consigliere il professionista vicino casa. Auguri

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 2/11/09
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

News Letters

0
condivisioni