Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso e corpo (120607)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 25 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sabrina 24

Sono Sabrina, ho 24 anni e sono felicemente fidanzata con Luigi da 3 anni. Il mio problema è vivere il sesso, mi succede con Luigi ma mi è successo anche in passato con i miei ex. Si può dire che sono la classica donna che finge gli orgasmi: non sono capace di provare piacere durante il coito, anzi provo spesso fastidio. Ma il mio non è un problema ginecologico, nelle visite mediche non è mai stato riscontrato nulla. Il mio problema deriva da un odio nei confronti del mio corpo. Odio dover spogliarmi del tutto, odio che lui tocchi il mio fondo schiena ed i miei fianchi morbidi e pasciuti durante il rapporto. Quando siamo in intimità, provo piacere solo durante i preliminari, ma non appena lui si spinge verso il basso per accarezzare le parti che dicevo prima o per iniziare il coito, quel piacere svanisce nel giro di pochi secondi, per far posto ad un disagio fisico e mentale. Sono costretta a mentire, a dirgli che con lui è sempre bellissimo, ma in realtà non ho mai provato piacere durante l'amplesso. E questo odio verso il mio corpo mi causa inoltre un secondo problema: una gelosia terribile mista a rabbia quando lui si gira a guardare qualche ragazza col fisico da modella: in quel momento devo trattenere le lacrime e l'ira! Mi sento inferiore e soprattutto invidiosa, tutto ciò mi fa scattare la classica scenata e di conseguenza l'ennesimo litigio con lui. Cosa posso fare? Non ce la faccio più, vorrei anch'io poter vivere un rapporto sessuale sereno e imparare a ironizzare quando lui guarda le altre. Aiutatemi vi prego. Grazie.

Cara Sabrina, credo che due siano le problematiche da affrontare in base al tuo scritto: prima, la non accettazione del corpo il che fa presumere una sfiducia e mancanza di autostima che si trasmette al partner nei momenti intimi; seconda, una anorgasmia che secondo me è legata al primo concetto. Quindi come consiglio che posso darti è quello di iniziare una psicoterapia individuale per capire e riflettere su te stessa e, per analizzare il perchè della non accettazione del proprio corpo e in particolare le parti basse. Dopo aver risolto il primo quesito, potresti consultare uno psicoterapeuta sessuologo che con tecniche appropriate ti aiuterebbe a risolvere anche il secondo quesito.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 02/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

News Letters

0
condivisioni