Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso e d'intorni (105082)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Verlaine 22

Salve... in effetti non so, e ciò è molto imbarazante per me, come esporre il mio problema anche perchè non so se si tratta di un vero problema. Comunque ci proverò: sono un ragazzo di 22 anni, timido, timidissimo, parlo pochissimo, immaginerete che ho molte difficoltà nel socializzare e conoscere nuova gente anche se mi piacerebbe molto. Infatti, non a caso, in 22 anni ho avuto una sola ragazza (circa due anni fa), e solo con lei mi son baciato (quindi a 20 anni il mio primo bacio) ed ho avuto il mio primo rapporto sessuale (ormai con lei ho chiuso). Ciò già mi fa pensare che non sia tanto normale. Ma il problema, i miei dubbi sono altri: considerando la mia scarsa esperienza con le ragazze in tutti questi anni ho praticato e pratico tutt'ora la masturbazione. Sapendo che sia una cosa normale masturbarsi i miei dubbi si infittiscono considerando che mi masturbo anche 3-4 volte al giorno, poi è più di un anno che mi masturbo anche pensando ai ragazzi (anche se con loro è diverso, non mi attirano fisicamente, vedendoli per strada per esempio, come vengo attratto dalle ragazze ma solo pensando al pene, cioè al sesso in se. Spero di essermi spiegato). In piu' devo informarvi che ultimamente (circa 4-5 mesi) frequento regolarmente chat-video in cui vedo ragazzi e ragazze con conseguenti masturbazioni. Quindi vi chiedo: innanzitutto ciò mi porta a pensare che io sia bisessuale? (comunque non ho mai avuto rapporti reali con ragazzi) o per capire realmente se sia anche gay o meno dovrei provare realmente? Poi il fatto che mi masturbo cosi' tanto, aiutandomi guardando e frequentando abitualmente le chat (e considerando che realmente non faccio sesso) puo' essere una forma di pervesione o qualche malattia psichica, depravazione che comunque attesti che io non sia normale? La mia paura piu' grande è che se oggi mi eccito o penso di farlo con ragazzi, un giorno potrebbe portarmi per esempio ad un piacere verso i ragazzini? (Ciò sarebbe disumano credo, preferirei davvero il suicidio) Penso a questo perchè fino a 2-3 anni mi disgustava al solo pensiero di farlo con un ragazzo e poi ho scoperto che mi piace. O in fondo era solo una cosa che già avevo dentro di me? E' una cosa che devo solo accettare? Comunque mi chiedo.. c'è un limite? Sono perverso? Depravato? Scusatemi per le tante domande, dubbi ma sono molto confuso e non nascondo che ho paura. Sperando che mi rispondiate al più presto possibile dandomi qualche aiuto, consiglio vi ringrazio anticipatamente.

Caro Verlaine, partendo da una costatazione di fatto che l'omosessualità è latente in tutti noi, la tua descrizione dimostra che nei tuoi pensieri c'è un po di confusione, la normalità se cosi vogliamo chiamarla ha una tolleranza molto ampia 49% poichè è normale chi vive al 51% di ciò che riteniamo in sintonia con l'umanità. Le domande poste per risolverle necessitano di un approfondimento ulteriore che solo uno psicologo psicoterapeuta può darti quindi consiglio di consultarlo per ottenere le risposte che stai cercando.

(risponde Il dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 22/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters