Pubblicità

Sesso e figlio piccolo (2388)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 49 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ten, 35 anni

Salve, sono mamma di una bimba (la prima) di un anno, dalla sua nascita sono stata da subito molto concentrata su di lei, tanto da trascurare molto la vita di coppia e sessuale. preciso che sono serena e il sesso non mi manca affatto, pur essendo molto scarso. vorrei sapere se la nascita del primo figlio può creare tale dipendenza e pienezza affettiva tanto da far dimenticare tutto il resto. è come se fossi innnamorata di mia figlia, tanto che a volte mi dimentico letteralmente di suo padre: non lo chiamo, non rispondo al telefono, a volte esco di casa senza neppure dirgli dove siamo, non mi attrae fisicamente, insomma il rapporto con mia figlia e totalizzante (anche se lavoro 8 ore al giorno e spesso sono fuori città dalla mattina alla sera).
Non ho assunto intenzionalmente tale comportamento, è venuto "naturalmente", e mi ci sono trovata bene. Non me la sento di lasciare il mio compagno che, sotto tutti gli aspetti, è davvero in gamba, è un ottimo padre, siamo intellettualmente e affettivamente molto uniti, ma è come se non potessi amare due persone così tanto contemporaneamente. Sul lavoro mi sento molto realizzata, ho una intensa vita sociale, usciamo spesso (anche con la bimba), viaggiamo, insomma sarebbe tutto normale, o forse lo è solo che io non ho parametri per stabilire se è normale questo distacco. Ditemi: capita anche ad altri (nessuno dei miei amici ha figli)?

Cara Ten, capita anche ad altri, ma sarebbe opportuno che non capitasse! Non bisogna, infatti, mai esagerare nè diventare particolarmente morbosi. La tua condotta pur con dei lati positivi, rischia di causare problemi successivi di separazione-individuazione alla bambina e di mandare all'aria un buon rapporto di coppia. Cerca semplicemente di riprendere una normalità e non eccedere mai. Dare toppo è lesivo come dare troppo poco.

( risponde la dott.ssa Lucia Daniela Bosa )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni