Pubblicità

Sesso e pornografia (151722)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 59 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Federica, 30

Salve,
sono una donna di trent'anni, convivo con il mio compagno da circa un anno. Ieri abbiamo avuto uno scontro riguardo la nostra sessualità: gli ho apertamente detto che non mi sento desiderata e richiesta in quanto donna. So che lui guarda siti hard. Lo ha confessato anche lui. Così come, parlandone, siamo arrivati alla conclusione-confessione che pare lui "sfoghi" la sua sessualità in forma autonoma, facendo sì che passassero lunghi periodi tra un rapporto e un altro tra di noi. Questo mi ha ferita e umiliata, ma sto tentando di appellarmi a tutta la mia razionalità per non cadere nella trappola del crollo di autostima. Adesso, però, lo sento distante e vorrei solo allontanarmi da lui. Lui dice che mi ama e che è attratto dal mio corpo, ma il mio modo di vivere la sessualità è troppo "impegnativo" per lui che ha una vita frenetica e stressante. Vorrebbe insomma meno "poesia" e un rapporto sessuale più "mordi e fuggi". Cosa che a me, conoscendo ormai le sue abitudini verso la pornografia, non soddisfa più. Come mi devo comportare? Da dove devo cominciare? .


Cara Federica,
la dipendenza dalla pornogafia è una parafilia non altrimenti specificata, quindi coloro che si soddisfano con la veduta e la consegunte masturbazione, occorre poterli indicare una consulenza psicoterapeutica per riflettere se ciò deve essere seguito da una terapia o no. La tua autostima, se rifletti non deve crollare, poichè la tua sessualità è quella che necessita ad una coppia stabile, per esaltare l'amore, e non il mordi e fuggi, perchè allora ti farebbe sentire solo un oggetto, altro aspetto negativo per il maschio è che nella pornografia esiste solo la grande prestazione maschile con la sottomissione della donna, cosa che nella realtà non è così. Credo che di questa problematica ne dobbiate parlare serenamente, meglio con l'aiuto di uno psicologo psicoterapeuta sessuologo che porrà delle regole per iniziare una sessualità adatta alla coppia, e non solo per verificare se ancora esistono i sentimenti per continuare una relazione.
Auguri.

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 17/04/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

News Letters

0
condivisioni