Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso e pornografia (151722)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 19 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Federica, 30

Salve,
sono una donna di trent'anni, convivo con il mio compagno da circa un anno. Ieri abbiamo avuto uno scontro riguardo la nostra sessualità: gli ho apertamente detto che non mi sento desiderata e richiesta in quanto donna. So che lui guarda siti hard. Lo ha confessato anche lui. Così come, parlandone, siamo arrivati alla conclusione-confessione che pare lui "sfoghi" la sua sessualità in forma autonoma, facendo sì che passassero lunghi periodi tra un rapporto e un altro tra di noi. Questo mi ha ferita e umiliata, ma sto tentando di appellarmi a tutta la mia razionalità per non cadere nella trappola del crollo di autostima. Adesso, però, lo sento distante e vorrei solo allontanarmi da lui. Lui dice che mi ama e che è attratto dal mio corpo, ma il mio modo di vivere la sessualità è troppo "impegnativo" per lui che ha una vita frenetica e stressante. Vorrebbe insomma meno "poesia" e un rapporto sessuale più "mordi e fuggi". Cosa che a me, conoscendo ormai le sue abitudini verso la pornografia, non soddisfa più. Come mi devo comportare? Da dove devo cominciare? .


Cara Federica,
la dipendenza dalla pornogafia è una parafilia non altrimenti specificata, quindi coloro che si soddisfano con la veduta e la consegunte masturbazione, occorre poterli indicare una consulenza psicoterapeutica per riflettere se ciò deve essere seguito da una terapia o no. La tua autostima, se rifletti non deve crollare, poichè la tua sessualità è quella che necessita ad una coppia stabile, per esaltare l'amore, e non il mordi e fuggi, perchè allora ti farebbe sentire solo un oggetto, altro aspetto negativo per il maschio è che nella pornografia esiste solo la grande prestazione maschile con la sottomissione della donna, cosa che nella realtà non è così. Credo che di questa problematica ne dobbiate parlare serenamente, meglio con l'aiuto di uno psicologo psicoterapeuta sessuologo che porrà delle regole per iniziare una sessualità adatta alla coppia, e non solo per verificare se ancora esistono i sentimenti per continuare una relazione.
Auguri.

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 17/04/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito confuso (1521708111477)

luisa, 48     Buongiorno, chiedo parere per mio marito 44 anni. Siamo sposati da 10 anni con bimbo di 9. Mi ha lasciata per una pausa di riflessi...

Che fare? (1520934157214)

Roberta, 26     Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere i...

Amore non corrisposto (152165…

very, 19     Salve, le scrivo perchè non riesco a liberarmi di una persona... ...

Area Professionale

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

La Psicoterapia Psicodinamica…

La prestigiosa rivista “The American Journal of Psychiatry” ha pubblicato nuovi dati meta-analitici che confermano come l'efficacia della psicoterapia psicodina...

Le parole della Psicologia

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità...

News Letters

0
condivisioni