Pubblicità

Sesso e pornografia (151722)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 43 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Federica, 30

Salve,
sono una donna di trent'anni, convivo con il mio compagno da circa un anno. Ieri abbiamo avuto uno scontro riguardo la nostra sessualità: gli ho apertamente detto che non mi sento desiderata e richiesta in quanto donna. So che lui guarda siti hard. Lo ha confessato anche lui. Così come, parlandone, siamo arrivati alla conclusione-confessione che pare lui "sfoghi" la sua sessualità in forma autonoma, facendo sì che passassero lunghi periodi tra un rapporto e un altro tra di noi. Questo mi ha ferita e umiliata, ma sto tentando di appellarmi a tutta la mia razionalità per non cadere nella trappola del crollo di autostima. Adesso, però, lo sento distante e vorrei solo allontanarmi da lui. Lui dice che mi ama e che è attratto dal mio corpo, ma il mio modo di vivere la sessualità è troppo "impegnativo" per lui che ha una vita frenetica e stressante. Vorrebbe insomma meno "poesia" e un rapporto sessuale più "mordi e fuggi". Cosa che a me, conoscendo ormai le sue abitudini verso la pornografia, non soddisfa più. Come mi devo comportare? Da dove devo cominciare? .


Cara Federica,
la dipendenza dalla pornogafia è una parafilia non altrimenti specificata, quindi coloro che si soddisfano con la veduta e la consegunte masturbazione, occorre poterli indicare una consulenza psicoterapeutica per riflettere se ciò deve essere seguito da una terapia o no. La tua autostima, se rifletti non deve crollare, poichè la tua sessualità è quella che necessita ad una coppia stabile, per esaltare l'amore, e non il mordi e fuggi, perchè allora ti farebbe sentire solo un oggetto, altro aspetto negativo per il maschio è che nella pornografia esiste solo la grande prestazione maschile con la sottomissione della donna, cosa che nella realtà non è così. Credo che di questa problematica ne dobbiate parlare serenamente, meglio con l'aiuto di uno psicologo psicoterapeuta sessuologo che porrà delle regole per iniziare una sessualità adatta alla coppia, e non solo per verificare se ancora esistono i sentimenti per continuare una relazione.
Auguri.

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 17/04/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni