Pubblicità

sesso e realizzazione(45954)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 225 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dario, 31anni (30.11.2001)

Come posso superare i vincoli tanatici generati da una educazione generalizzata(cioè non solo familiare)sessuale repressiva,e per repressiva intendo generante paure ora, colpevolizzatrice poi,dove l'unione con una donna rappresenterebbe, così si profila nel vissuto interiore,un evento distruttore e comunque di incontrollabile portata, il quale verrebbe percepito a priori, nonostante il desiderio del patner,un vero è proprio atto di aggressione?
Attualmente non ho alcuna compagna, quella con cui stavo mi ha lasciato, vuoi per problemi di distanza, vuoi per i suddetti argomenti, che inevitabilmente producono sia una scarsa performance sessuale(scarso coinvolgimento, assenza spesso di eiaculazione, anorgasmia nel senso più vasto del termine,sia una resistenza posticipatoria non dichiarata ma percepibile dal patner.
Ho come l'impressione di vivere l'esperienza che viceversa vivono molte ragazze, un senso di inappetenza sessuale quando c'è l'occasione e poi quando vengono mollate un senso di vertigine e di forte sofferenza, consapevoli forse di essere state esse stesse la causa della rottura.Ormai queste difficoltà mi hanno condizionato la vita, ho notato che dal periodo della pubertà sino ad adesso, certe capacità volitive e intellettive sono state compromesse, prima notabili solo in settori tipo la matematica poi in ogni campo,inoltre la memoria che era di ferro,è andata via via scemando.L'onanismo ha fatto da padrone, esso ha prodotto in queste circostanze,data la natura sostitutiva(e predominante)e non integrativa,un processo di asocialità sempre più pervasivo.
Attualmente sono in analisi, ma vorrei avere delle indicazioni più pratiche e a breve termine realizzativo per uscire da questa situazione, consapevole del fatto che il "grande imputato" non è tanto il sesso in se stesso ma il piacere tutto,il sesso è solo l'elemento cardine,ma poi il resto va costruito sopra di esso e se è problematico l'esistenza diviene problematica.
Ringraziandovi del servizio offerto, attendo risposta.

Caro Dario, hai ragione nell'individuare il nòcciolo dei tuoi problemi non tanto nel sesso (deficitario e insoddisfaciente), quanto piuttosto nella mancanza generale di gusto per la vita ( per il piacere in senso ampio) che fa ritenere la tua situazione più tipica di un quadro depressivo ( e di una tua ricerca d'identità personale), che non un disturbo specifico della sfera sessuale. I sensi di paura, di colpa, di inibizione.... generati da un'educazione repressiva e mortificante, sono questi gli imputati maggiori di un processo di crescita compromesso e a cui , giustamente, cerchi di porre rimedio con un trattamento psicoterapico riparatore. Chiedi indicazioni pratiche a breve termine? No, non esistono scorciatoie al percorso di recupero e di ricostruzione del tuo io, ma ti suggerisco di resistere, di investire nel lungo periodo, di confidare nelle tue risorse naturali residue, sicuro che un'educazione , pur svantaggiata come la tua, non può averle totalmente compromesse.Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

News Letters

0
condivisioni