Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso nella coppia (115271)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 18 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Eli 26

Buongiorno, ho bisogno d'aiuto..sto con il mio ragazzo da più di 5 anni ed ora viviamo insieme. Nei primi 3 anni di storia io ho avuto problemi di ansia e facevo fatica a fare sesso e lui ci ha sofferto. L'anno scorso ci siamo lasciati per 4 mesi ed ora come già detto viviamo insieme. Il problema è che mentre io ora sto bene, è lui quello sessualmente bloccato dice perchè io nel passato l'ho fatto stare senza sesso per tanto. Lo sa che non stavo bene, ma sembra capire fino ad un certo punto. Dice che non vuole vivere così il sesso, che non si può non fare mai e non si può non aver voglia di farlo (lui) e dice che, con un'altra sicuro non avrebbe questo problema, che è bloccato con me..cosa devo fare?. Aiuto. Io ora sto bene, ma lui continua a rivangare il passato e come devo fare io? Mi aiuti, non voglio rovinare tutto, che tipo di discorso devo fargli? E come posso riavvicinarlo, come posso aiutarlo? Per il resto la nostra storia è perfetta, a volte sembra che lo vogliamo fare tutti e due, ma no lo facciamo, io mi arrabbio e lui si arrabbia e dice che è bloccato. Mi dica cosa devo fare per piacere, è molto importante. Grazie.

Cara Eli, purtroppo succede molto spesso che si creda che alcune ferite non abbiano lasciato nessun segno, e invece di segni ce ne sono, magari nascosti. È possibile che il tuo ragazzo credesse di aver superato il periodo in cui non riuscivate ad avere rapporti sessuali, e invece si sia reso conto che questa ferita è più profonda di quanto credesse. Forse un errore lo state facendo, ed è il non “allearvi” per raggiungere qualcosa che evidentemente desiderate entrambi, ma “lottare” uno contro l’altra. Visto che, a quanto mi scrivi, il vostro rapporto all’infuori del sesso è buono, la cosa migliore che potete fare è parlare sinceramente del perché vi stia succedendo tutto ciò, senza rinfacciare nulla, senza recriminare. Valutate anche la possibilità di intraprendere una terapia di coppia che, nella vostra situazione, potrebbe avere degli ottimi risultati. Molti auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicato in data 28/03/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni