Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sesso senza impegno (42755)

on . Postato in Sessualità | Letto 188 volte

Katia, 24anni (4.9.2001)

Buongiorno, vi scrivo per avere un opinione professionale su quanto mi sta accadendo. Finora ho avuto un vita sessuale molto molto misera. qualche approccio con il mio ex ragazzo, ci siamo arrivati con calme a volte nei pochi contatti che abbiamo avuto (ci vedevamo poco e lui non era molto interessato al sesso, e probabilmente non era molto interessato a me) mi è capitato di eccitarmi, ma non particolarmente per quello che lui faceva, movimenti meccanici, e frettolosi... cioe' studiati, che non lasciavano trasparire passione quanto piuttosto applicazione per ottenere un risultato che inevitabilmente non c'era. in precedenza non solo non avevo avuto una vita sessuale, ma neppure contatti di altro tipo con un ragazzo, anche per i normali gesti affettuosi, baci ed abbracci, mi ci vuole un po', mi sono dovuta abituare a lui, alla sua vicinanza. ora sono innamorata di un collega. dico innamorata e ne sono convita, e' qualcosa di piu' di un interesse, si e' creato un bel rapporto di amicizia, una grande confidenza, anomala per lui, molto riservato. lui dice di non provare niente di piu' dell'amicizia per me.
Inizialmente avevo pensato ci fosse di piu' e penso di non essermi sbagliata, ma poi si e' raffreddato. Ha avuto tre storie importanti finite male e ora dice di non saper piu' provare sentimenti per nessuno. ha perso anche il padre da poco. Esce con una persona da qualche mese, ma come con altre in passato lo fa per avere con chi uscire, e poi si stuf. infatti lquesta storia è ormai esaurita. Non vuole avere una storia con una collega, perche' anche in questo ha avuto esperienze negative, e' stato trasferito, l'hanno fatto sentire colpevole, poco professionale, e soprattutto hanno violato la sua vita privata. da un lato ha un grosso affetto per me, dall'altro si sente soffocato dalla mia presenza, perchè parlo troppo, forse gli dedico troppe attenzioni, ed essendo un po' ansiosa sul lavoro tendo a trasmettergli questa ansia. Ma veniamo al punto: abbiamo fatto sesso,orale, in un quarto d'ora. ne avevamo parlato per qualche giorno. Lui dice che l'ideale per lui è una storia di sesso in cui ci si diverte senza coinvolgimento, senza impegno, ci si gode la vita. tanto all'amore non crede piu', e soprattutto ora noon lo cerca. io lo conosco e capisco che vorrebbe innamorarsi, a volte lo ammette, ma credo abbia mota maura e si ponga molti freni. Lui l'ha fatto quasi per farmi un favore, per farmi fare esperienza, per svegliarmi, vorrebbe ragionassi come lui. da un lato a me piacerebbe potermi divertire così, anch'io sono delusa dall'amore, ma da lui infondo vorrei di piu'. io l'ho fatto per fare esperienza, perchè lui mi attrae molto e ora sento di poterlo fare solo con lui. Con qualsiasi altra persona mi sarei sentita e mi sentirei dopo quello che è successo in un enorme imbarazzo. Anche con il mio ex mi sarei sentita in imbarazzo, anche se ne ero innamorata. invece no.
Da un lato speravo che l'imbarazzo, il sapere di essere in fondo usata mi avrebbe portata a non amarlo piu'. ma il problema che mi pongo e': io amo quest persona e provo attrazione per lui... ma non ho provato assolutamente niente. Puo' essere spiegabile per come è successo? anche lui si comportava come il mio ex, tutto troppo in fretta, anche i gesti le carezze... troppo rapidi, impetuosi, non ho potuto certo assaporarle, avere il tempo per desiderarle, per desiderare che si facessero più audaci, anche perchè è andato subito al sodo. Sapevo che sarebbe stato così, ma pensavo avrei provato piu' coinvolgimento. E' normale che non sia stato cosi'. ok, normale non è la parola giusta. ma io mi chiedo, mi devo preoccupare, la mia sessualità puo' avere dei problemi, o niente che si possa risolvere con l'esperienza e con un amante un po' piu' abile ed attento? non vi parlo di tutto cio' che riguarda il mio essere innamorata, il mio comunque non chiedere niente e infondo sperare che con il tempo il nostro rapporto cambi. in questo momento ha bisogno di non sentirsi legato coinvolto, ma e' anche evidente che non e' innamorato i me. puo' essere che si innamori con il tempo? CeRto tutto puo' essere. Non so se succedera' ancora qualcosa tra noi, credo di si'. Io infondo lo voglio perchè voglio imparare a divertirmi, e so che posso farlo solo facendo esperienza e solo ora ho l'occasione di farla con qualcuno che mi piace, che mi attrae che mi fa sentire piu' disinibita. voglio vivere questa cosa nel modo piu' spensierato e non pensare continuamente a quante altre cose vorrei dividere con lui. Forse spero che recitando una parte finirò per convincermene.
Cioe' non fingo nel cercarlo per fare sesso, fingo forse nel comportarmi come se non mi importasse non avere di piu'. ma lui sa che vorrei di piu'. Non abbiamo parlato di quello che e' successo, non ne abbiamo avuto modo (ora siamo separati per qualche giorno) ma neppure nessuno di noi ha cercato di farlo.

Fare all'amore non è esattamente come fare sport. Nel praticare un'attività sportiva si parla di allenamento progressivo; si comincia da alcuni esercizi semplici e migliorando via via il tono muscolare , la respirazione ,ecc , si può passare ad esercizi più difficili ed ottenere performance migliori. Il rapporto sessuale risponde a logiche più complesse, emotive e relazionali, e non ha senso sperare, come lei sta facendo, di potere migliorare in disinvoltura con la pratica.
Credo che quando incontrerà un compagno giusto ( che non è assolutamente il suo collega, che, oltrettutto, le ha già detto di non essere disponibile ad una storia e che non da segni di potersi innamorare o cambiare posizione in futuro) anche il sesso imboccherà la sua strada , specialmente se lei riuscirà ad accettare anche la sua timidezza e a pretendere dall'uomo rispetto per i suoi tempi e per le sue difficoltà.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

News Letters