Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso... un problema da superare! (152519)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 26 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Anonimo,21

Caro Dottore,
chi le scrive è una ragazza di 21 anni. Il mio problema non è del tutto semplice da spiegare, anche perchè per farle capire bene di cosa si tratta, cercherò di essere breve e precisa. Le scrivo perchè ho bisogno di un consiglio di un esperto che sappia davvero di cosa sto parlando. La mia vita sessuale dall'età di 17 anni è andata sempre alla grande. I momenti d'amore con il mio ragazzo sono sempre andati bene e il nostro rapporto non ha mai avuto alcun tipo di problema. Facevamo l'amore anche più di una volta al giorno, e anche se pur senza precauzioni, lo vivevamo tranquillamente e in piena sintonia. I veri problemi sono arrivati circa 2 anni fa, leggendo e ascoltando amici, conoscenti, ecc sono entrata a contatto con realtà che conoscevo ma che non erano mai state per me un "problema": False mestruazioni, possibilità che con il coito interrotto si rimanga incinta, rottura del preservativo=gravidanza, malattie infettive etc. Una serie di fattori che, se considerati separatamente, sembrano ovvi, ma che con un pò di prevenzione possono essere evitati, ma mi hanno portata a vivere il rapporto con una certa ansia fino al giorno in cui ho avuto un ritardo nel ciclo di circa 6 giorni. Da quel giorno per me si è aperto un ciclo che mi ha portato a vivere paure e ansie di una gravidanza assolutamente non voluta. Le lascio immaginare la disperazione dei miei 19 anni, piangendo e pregando che le mestruazioni arrivassero, fino a quando è stato cosi. Qualche tempo dopo mi è ricapitata la stessa situazione, dopo il rapporto, per paura di essere incinta, ho "rimediato" prendendo la "pillola del giorno dopo" fino alla terza ed ultima volta quando ossessionata dalla paura ho fatto anche il test di gravidanza. Come può ben capire, la mia non è solo "ansia" ma ormai la vivo come una paura ossessiva di rimanere incinta. Anche solo facendo i preliminari vivo i giorni seguenti pensando se c'è stato contatto con i genitali, se lui si è lavato le mani prima di toccarmi, o qualsiasi altra situazione "ambigua". Se lei si starà chiedendo perchè per evitare il tutto lui non usi il preservativo, la risposta è che con il preservativo abbiamo provato molte volte ad usarlo ma con risultati deludenti in quando oltre a non sentire piacere nè io nè lui, subito dopo lui non riesce più ad avere erezione. Oltre il preservativo, ho paura di tutti gli altri anticoncezionali perchè ho paura che oltre a non funzionare possano portarmi problemi di salute-ormonali. Io non so se lei è riuscita a capire bene cosa volevo dirle, ma spero possa darmi almeno un piccolo consiglio per combattere questo problema, che oltre ad essere molto stressante per me, ho paura che possa diventarlo anche per lui e rovinare il nostro rapporto di coppia.
Attendo una sua risposta.
Cordialmente

Cara X,
dal racconto si evince che più di un problema sessuale, esiste un problema psicologico da superare per entrambi i partner, infatti, se non erro, avete un inesatto comportamento sessuale. Primo: è chiaro che facendo rapporti senza precauzioni, il timore di una gravidanza, percentualmente parlando, è alto, ma dal momento che è una vostra scelta, non deve essere vissuto con ansia. Secondo: necessiterebbe una visita ginecologica per verificare il motivo dei ritardi mestruali e, nel vostro caso, prendere dopo esami appurati, un anticoncezionale, che risulta idoneo alla tua fisiologicità. Terzo: secondo il mio pensiero, aleggia un disturbo ossessivo, quindi vi consiglio individualmente di consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico, che vi aiuterà a superare queste difficoltà psicologiche.
Auguri

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 30/04/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

News Letters

0
condivisioni