Pubblicità

Sessualità? (001581)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 85 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lisi, 18 anni

Ciao sono Lisi, ho 18 anni, vivo con mia madre e due fratelli.. mio padre nn c'è da prima che nascessi, è sposato con un'altra donna ed ha due figli. Lui è il mio vicino di casa, ma non abbiamo nessun rapporto se non il saluto.. a scuola andavo bene fino all'anno scorso, quest'anno rischio la bocciatura, qualcosa dentro di me è cambiato, non so il perchè... sono fidanzata da 1 anno e10 mesi con un ragazzo, non ho mai avuto un rapporto sessuale con lui, perchè non ho mai voluto.. io e lui parliamo molto, io a lui racconto tutto, ma non credo di amarlo, anche se lui è fantastico..da due mesi sto con una ragazza, di lei sono innamorata, con lei ho avuto rapporti.. con lei da quel punto di vista mi trovo a mio agio.. quando ero molto piccola mio fratello ha giocato un pò con me.. ma con gli anni lo avevo cancellato dalla mente..me ne sono ricordata perchè la mia ragazza ha avuto problemi analoghi.. a me piacciono gli uomini fisicamente, ma le donne mi piacciono per come sono dentro.. non capisco, non mi capisco..a cosa è dovuto tutto ciò? A mio padre che non c'è? Che non mi considera? O al mio passato? So solo che mi sto rovinando.. ho troppe cose per la testa.. che vado male a scuola, che ho mollato gli scout, che non vado a scuola guida, che non considero gli amici..spero in una vostra risposta..scusate il disturbo.

Cara Lisi ti trovi a fronteggiare una fase molto delicata della vita. Spesso l'adolescenza è foriera di grandi sconvolgimenti: cambiano i gusti, gli interessi, cambia il corpo; si va alla ricerca di cose nuove, si fanno nuove esperienze. Anche la sessualità è tutta da scoprire, spesso ci si interroga sul proprio orientamento sessuale e basta poco per far sorgere dubbi e perplessità. Per cominciare a fare un poco d'ordine nella tua vita dovresti cercare di capire quali sono i tuoi interessi prioritari lasciando andare tutto il resto; focalizza l'attenzione su pochissime cose che senti veramente tue.
Per quanto riguarda la sessualità probabilmente la mancanza di una figura di riferimento maschile valida può avere innescato in te una certa diffidenza nel maschio e l'incapacità a lasciarti andare sessualmente. La sensazione di agio che provi con la tua amica può essere dovuta proprio a questo. Con lei ti senti bene perché la percepisci emotivamente vicina. Per ora mi limiterei a considerare questa esperienza come un comportamento omosessuale transitorio e niente di più. Con il tempo, con l'esperienza e forse, se lo reputi necessario, con l'aiuto di una consulenza psicologica potrai capire quale è il tuo vero orientamento sessuale.
Auguri

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

News Letters

0
condivisioni