Pubblicità

Sessualità (003858)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 43 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roy, 23 anni

Fino al mese di aprile ero una persona "normale", all'università gli esami andavano bene, facevo sport, insomma nessun problema, nonostante in casa ci fosse un problema grave che riguarda una malattia particolarmente invalidante di mia madre, cui abbiamo cercato di fare fronte io e mio fratello, (mio padre se n'è andato molto tempo fa).
Mi sono sempre piaciute molto le donne mature, 40/50enni piacenti per intenderci, ma vivevo questa perversione in maniera "sana", continuando ad andare con la mia ragazza e a guardare le mie coetanee.
Un giorno, andai a guardare dei siti porno, e vidi che si poteva trovare della pornografia con donne mature, fino a sconfinare nella gerontofilia, da lì è iniziato il mio calvario. Sentivo che guardare quei siti mi distrugeva il cervello, facevo di tutto per autoimpormi di non andarci ma ci ricadevo sempre.
Tutto poi, scoppiò con "Ansia generalizzata con disturbi fobico-ossessivi", questa è la diagnosi del mio psicologo, e anche di un neuropsichiatra, che mi hanno detto che sono perfettamente razionale e di non preoccuparmi.
Tuttavia adesso continuo ad avere forti problemi nello studio, mi manca la concentrazione e anche apprendere o ricordare le cose più semplici mi costa fatica, e la cosa più brutta è che mi sento colpevole per aver sprecato il mio talento e mi viene voglia di buttarmi sotto un burrone, o più semplicemente di farmi un bel cocktail di ansiolitici, mi torturo, e mi sento un malato, un perverso, un mostro.
Vorrei solo sapere se potrò ritornare a studiare in maniera proficua o se ho minato irreversibilmente la mia psiche.
In attesa di una vs. eventuale risposta vi prego di accettare i miei più distinti saluti.

Caro Roy nella e-mail hai menzionato i due specialisti che ti stanno seguendo e questo mi fa supporre che stai seguendo una psicoterapia integrata (psicoterapia + farmacoterapia) che è l'approccio migliore per risolvere i disturbi d'ansia. Vedrai che con il tempo i risultati non tarderanno a farsi sentire. Auguri.

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

News Letters

0
condivisioni