Pubblicità

Sessualità (011367)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 39 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Laura,30 anni

Sono una ragazza di 30 anni, vivo da più di un anno con il mio compagno con cui mi dividono molti anni di differenza. La nostra storia, molto bella, dura da 5 anni ma abbiamo fortissime incompatibilità sul piano sessuale..
A dire il vero, tali difficoltà dipendono probabilmente più da me che non ho certamente una sessualità libera, nè fantasiosa.
Questo però rispecchia un po'il mio temperamento: sono sempre stata molto sedentaria, piena di interessi, sì, ma interessi di "testa", non ho mai vissuto il mio corpo pienamente. Amo le abitudini, forse mi danno più sicurezza, può essere, ma non ho nessun interesse a sperimentare, a provare la novità. Sessualmente provo piacere solo nelle stessse medesime posizioni e non ho il desiderio di cambiare; questo ovviamente sta creando numerose difficoltà nel mio rapporto di coppia, visto che, il mio compagno manifesta, comprensibilmente, insofferenza verso una sessualità così di routine.
Da una parte mi rendo conto del mio egoismo e ho paura di perderlo ma dall'altra non accetto di dover rinunciare a degli aspetti di me e di dovermi forzare in alcuni comportamenti per assecondare le sue richieste. Mi rendo conto che una sessualità più piena e consapevole dovrebbe essere prima di tutto una mia esigenza ma questa è una riflessione che faccio solo razionalmente, tutto il mio corpo dice "non ne ho voglia", mentre mi incoraggia a cercare momenti di tenerezza in cui ci sia meno "fatica fisica".
Depressione, pigrizia, egoismo, atteggiamento da viziata? Non so, sicuramente, però, mi ferisce estremamente vdere il mio compagno così frustrato ma proprio, al di là di questi limiti, non riesco ad andare. Esiste poi un altro problema: le rare volte in cui abbiamo provato posizioni differenti, specialmente la penetrazione vaginale da dietro, sono state per me caratterizzate da intenso dolore all'addome tanto che, ogni volta, sono intervenute fortissime cistiti. Da allora, all'idea di cambiare abitudini e posizioni, il mio corpo mi dice " ma non sarebbe meglio leggere un libro"? Chiedo: potrebbe essere un problema anatomico?
Insomma: dovrei andare da un ginecologo, da uno psicologo o iscrivermi semplicemente in palestra e rendere il mio organismo più attivo? Dietro questa vena sarcastica c'è una forte sofferenza perchè rischio di rompere un rapporto a cui tengo molto. Help!
Grazie

Gentile laura, se malgrado la pigrizia di cui lei parla è giunta ad una richiesta del genere vuol dire che è arrivato il momento giusto per intervenire e quindi in un certo senso lei è pronta per un piccolo cambiamento... i suoi problemi oltre che squisitamente personali potrebbero essere anche legati al tipo di relazione che lei ha con il suo partner e soddisfare le sue richieste non deve necessariamente rappresentare un sacrificio per lei. Di sicuro i suo dubbi anatomici vanno chiariti con l' aiuto del ginecologo e in seconda battuta anche di uno psicologo esperto in dinamiche sessuali.
In questo modo potrà risolvere i suoi problemi, in bocca al lupo.

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni