Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (011367)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Laura,30 anni

Sono una ragazza di 30 anni, vivo da più di un anno con il mio compagno con cui mi dividono molti anni di differenza. La nostra storia, molto bella, dura da 5 anni ma abbiamo fortissime incompatibilità sul piano sessuale..
A dire il vero, tali difficoltà dipendono probabilmente più da me che non ho certamente una sessualità libera, nè fantasiosa.
Questo però rispecchia un po'il mio temperamento: sono sempre stata molto sedentaria, piena di interessi, sì, ma interessi di "testa", non ho mai vissuto il mio corpo pienamente. Amo le abitudini, forse mi danno più sicurezza, può essere, ma non ho nessun interesse a sperimentare, a provare la novità. Sessualmente provo piacere solo nelle stessse medesime posizioni e non ho il desiderio di cambiare; questo ovviamente sta creando numerose difficoltà nel mio rapporto di coppia, visto che, il mio compagno manifesta, comprensibilmente, insofferenza verso una sessualità così di routine.
Da una parte mi rendo conto del mio egoismo e ho paura di perderlo ma dall'altra non accetto di dover rinunciare a degli aspetti di me e di dovermi forzare in alcuni comportamenti per assecondare le sue richieste. Mi rendo conto che una sessualità più piena e consapevole dovrebbe essere prima di tutto una mia esigenza ma questa è una riflessione che faccio solo razionalmente, tutto il mio corpo dice "non ne ho voglia", mentre mi incoraggia a cercare momenti di tenerezza in cui ci sia meno "fatica fisica".
Depressione, pigrizia, egoismo, atteggiamento da viziata? Non so, sicuramente, però, mi ferisce estremamente vdere il mio compagno così frustrato ma proprio, al di là di questi limiti, non riesco ad andare. Esiste poi un altro problema: le rare volte in cui abbiamo provato posizioni differenti, specialmente la penetrazione vaginale da dietro, sono state per me caratterizzate da intenso dolore all'addome tanto che, ogni volta, sono intervenute fortissime cistiti. Da allora, all'idea di cambiare abitudini e posizioni, il mio corpo mi dice " ma non sarebbe meglio leggere un libro"? Chiedo: potrebbe essere un problema anatomico?
Insomma: dovrei andare da un ginecologo, da uno psicologo o iscrivermi semplicemente in palestra e rendere il mio organismo più attivo? Dietro questa vena sarcastica c'è una forte sofferenza perchè rischio di rompere un rapporto a cui tengo molto. Help!
Grazie

Gentile laura, se malgrado la pigrizia di cui lei parla è giunta ad una richiesta del genere vuol dire che è arrivato il momento giusto per intervenire e quindi in un certo senso lei è pronta per un piccolo cambiamento... i suoi problemi oltre che squisitamente personali potrebbero essere anche legati al tipo di relazione che lei ha con il suo partner e soddisfare le sue richieste non deve necessariamente rappresentare un sacrificio per lei. Di sicuro i suo dubbi anatomici vanno chiariti con l' aiuto del ginecologo e in seconda battuta anche di uno psicologo esperto in dinamiche sessuali.
In questo modo potrà risolvere i suoi problemi, in bocca al lupo.

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters