Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (013878)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Barbara 24 anni

La mia prima volta, nonchè, la mia prima notte di nozze, è stata disastrosa.Credevo che con il tempo mi sarei abituata a questi rapporti che, sebbene a distanza di quasi due anni risultano anche piacevoli, rimangono dolorosi e quindi fastidiosi.Inoltre sembra che mi debba sforzare sempre all'inizio, come se non avessi mai voglia o per paura che non riesca il momento della penetrazione, come del resto è capitato qualche volta.
Continuo a chiedermi se sia normale provare sempre un po' di dolore o se provo certe cose perchè forse mio marito non è l'uomo adatto a me: nonostante io sia innamoratissima di lui e completamente dipendente, forse avrei dovuto 'provarlo', se mi concedete il termine.Lui si lamenta della poca frequenza dei nostri rapporti, ma siamo concordi nel dirci che quando ci riusciamo stiamo molto bene insieme.
La cosa in realtà più preoccupante è questa: dopo la prima notte, quel forte dolore e la costrizione con cui mi sono immolata, ha risvegliato in me dei ricordi: mio padre che mi tocca i genitali da piccola, molto piccola ed io che sorrido. E' un'immagine vera o solo frutto di una qualche immaginazione? in entrambi i casi, mi appare grave.Ho fatto i test di autovalutazione sulla depressione: risulto essere in una fascia medio alta.

Gentile Barbara,
potrebbe trattarsi di un disturbo relativo al dolore sessuale, frequente in molte donne ma facilmente risolvibile, provi ad andare da un ginecologo faccia una visita per vedere se tutto è a posto e ne parli anche con lui. Esistono delle creme che possono facilitare la penetrazione, ma è fondamentale che lei si senta rilassata e a suo agio.
I suoi ricordi relativi all'infanzia possono essere correlati con questa sorta di chiusura che lei prova verso il sesso insieme al dolore, inoltre l'inesperienza sessuale con suo marito non migliora la situazione, a tal proposito pensi anche a rivolgersi ad un sessuologo dove dopo essere andata da sola potrà coinvolgere successivamente anche suo marito.
In bocca al lupo




 

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti, prevede il futuro e costruisce ...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni