Pubblicità

Sessualità ( 017161)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 397 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giuditta, 25 anni

Sono fidanzata con un ragazzo di poco più grande di me ma con molta più esperienza in campo sessuale e sentimentale. Il motivo per cui scrivo è per chiedere come comportarmi e se è possibile risolvere il mio problema senza ricorrere per forza ad una terapia: il problema è che non riesco ad avere rapporti sessuali completi a causa di contrazioni involontarie.
Il ginecologo mi ha parlato di vaginismo: vorrei capire per quali motivi non supero questo blocco pur vivendo una storia serena, una vita senza particolari problemi nè insoddisfazioni (studio e lavoro in modo regolare, ho una famiglia normale e affettuosa), sono piacente e ho anche buoni amici, e sono peraltro dotata di una carica erotica molto intensa, per cui il desiderio non mi manca, anzi...in passato, verso i 14 anni, ho sofferto di anoressia, ma adesso il problema è ampiamente superato e non soffro più di disturbi alimentari. Aiutatemi a capire, vi ringrazio in anticipo e vi saluto cordialmente.

Cara Giuditta, il vaginismo è un problema di natura psicologica, pur sapendo di non avere problemi nè in campo relazionale con il suo ragazzo nè di altro tipo, il suo corpo la sta avvisando che forse c'è qualcosa che non va. Qualcosa che non le fa vivere la sessualità in maniera serena e completa. Quasto problema non deve avere per forza cause evidenti, tutt'altro. probabilmente c'è qualcosa di cui lei non è a conoscenza, tale cosa potrebbe anche essere un'educazione sessuale data dai
genitori non libera ma giudicante. Io le consiglio di incontrare uno specialista che l'aiuti a farle capire il vaginismo da cosa deriva,
cosa questo sintomo le vuole far capire. Buona fortuna

( risponde la dott.ssa Anna Maria Casale )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni