Pubblicità

Sessualità (053909)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Sissi 37, 6/11/2002

Mi turba l'essermi accorta in privato che il mio ragazzo visita siti porno, mi imbarazza vedere quello che lui vede per curiosità o.... per che cosa? il sesso tra noi non è mai andato male, siamo assieme da 5 anni e non manca l'attrazione fisica, ma mi viene da pensare che lui sia stimolata dalle immagini che vede.... o sono esagerata e non comprendo la sua natura maschile? come posso parlarne ed eventualmente affrontare il problema se questa cosa porta alla luce (o nasconde!) un problema tra noi? La ringrazio tanto.

RISPOSTA: Ciao Sissi, è evidente che la scoperta che hai fatto ti turba molto e ritengo per questo che l'argomento vada affrontato quanto prima con il tuo ragazzo. Nessuno meglio di lui potrà spiegarti perchè prova il desiderio di guardare quelle immagini e non è detto questo sia necessariamente il segnale di un problema tra voi. In ogni caso, considerando che tu non sei serena rispetto alla cosa ritengo che dovresti farglielo sapere nel modo più semplice e diretto possibile, spiegandogli i tuoi dubbi. Se anche questo sua preferenza dovesse rinviare a delle difficoltà nel vostro rapporto di coppia meglio parlarne immediatamente per chiarisi subito e affrontare insieme la cosa. Non ritengo che tu sia esagerata, nè che non comprenda la natura maschile, mi sembra, anzi, comprensibile e naturale che questa scoperta ti abbia fatto provare ansia e apprensione considerando che, da come parli, tu non hai quel tipo di preferenza. La pornografia è sempre esistita, anche nell'antichità, e questo ci dice che evidentemente soddisfa qualche bisogno, più o meno, recondito dell'essere umano. Ma guardare delle immagini pornografiche, di per se, non rappresenta necessariamente un problema. Può essere un modo per stimolare la fantasia o per provare eccitazione o forse una semplice curiosità. Cerca di esprimere il tuo imbarazzo e i tuoi timori al tuo partner così avrete modo di confrontarvi sull'argomento e forse riuscirai a tranquillizzarti.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni