Pubblicità

Sessualità (053909)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 65 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Sissi 37, 6/11/2002

Mi turba l'essermi accorta in privato che il mio ragazzo visita siti porno, mi imbarazza vedere quello che lui vede per curiosità o.... per che cosa? il sesso tra noi non è mai andato male, siamo assieme da 5 anni e non manca l'attrazione fisica, ma mi viene da pensare che lui sia stimolata dalle immagini che vede.... o sono esagerata e non comprendo la sua natura maschile? come posso parlarne ed eventualmente affrontare il problema se questa cosa porta alla luce (o nasconde!) un problema tra noi? La ringrazio tanto.

RISPOSTA: Ciao Sissi, è evidente che la scoperta che hai fatto ti turba molto e ritengo per questo che l'argomento vada affrontato quanto prima con il tuo ragazzo. Nessuno meglio di lui potrà spiegarti perchè prova il desiderio di guardare quelle immagini e non è detto questo sia necessariamente il segnale di un problema tra voi. In ogni caso, considerando che tu non sei serena rispetto alla cosa ritengo che dovresti farglielo sapere nel modo più semplice e diretto possibile, spiegandogli i tuoi dubbi. Se anche questo sua preferenza dovesse rinviare a delle difficoltà nel vostro rapporto di coppia meglio parlarne immediatamente per chiarisi subito e affrontare insieme la cosa. Non ritengo che tu sia esagerata, nè che non comprenda la natura maschile, mi sembra, anzi, comprensibile e naturale che questa scoperta ti abbia fatto provare ansia e apprensione considerando che, da come parli, tu non hai quel tipo di preferenza. La pornografia è sempre esistita, anche nell'antichità, e questo ci dice che evidentemente soddisfa qualche bisogno, più o meno, recondito dell'essere umano. Ma guardare delle immagini pornografiche, di per se, non rappresenta necessariamente un problema. Può essere un modo per stimolare la fantasia o per provare eccitazione o forse una semplice curiosità. Cerca di esprimere il tuo imbarazzo e i tuoi timori al tuo partner così avrete modo di confrontarvi sull'argomento e forse riuscirai a tranquillizzarti.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Le parole della Psicologia

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni