Pubblicità

Sessualità (078925)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 32 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ciro, 20 anni

Spettabili Dottori, volevo un consiglio sulla mia situazione: Ho intrapreso una relazione con una mia vecchia compagna di classe da circa sei mesi. Mentre per me è stata la prima eperienza lei ha già avuto esperienze di tipo sessuali con altri due ragazzi e quando ne sono venuto a conoscenza dopo circa quindici giorni di fidanzamento ho avuto un vero e prorio rifiuto verso il suo corpo (giudicato dalla mia delusione non più casto) tanto da non lasciarmi nemmeno toccare più le mani. Dopo vari tentativi di dimenticare il suo passato abbiamo deciso di fare l'amore. Quando però stiamo in intimità provo ancora oggi un grande senso di infelicità e insicurezza verso le sue precedenti esperienze e di forte RABBIA verso i suoi precedenti ragazzi.
Spesso mi capita di pensare alle sue esperienze precedenti anche durante il rapporto sessuale tanto da impedirmi di vivere serenamente il momento e di deprimermi o esplodere in litigi con la convinzione che se la lasciassi risolverei le mie insicurezze. Non so più che strada imboccare per poter lasciare alle spalle il suo passato e vivere serenamente questa relazione per me ritenuta molto importante.

Ciro, io non penso che se tu lasciassi la tua ragazza risolveresti le tue insicurezze; non lo penso perché non credo che sia lei la causa delle tue insicurezze. Penso piuttosto che tu sia una persona con delle insicurezze, che in una situazione di confronto (un confronto con altri maschi) come quella che hai vissuto, ovviamente esplodono. Immagino che per te il paragone con questi precedenti ragazzi sia particolarmente frustrante, considerando che loro, almeno ai tuoi occhi, hanno avuto esperienze sessuali prima di te…. E probabilmente tu ti senti un inesperto, essendo alla tua prima esperienza, e questo nel confronto che tu fai dentro di te significa, in un certo senso, perdente. Ma ovviamente, inutile dirlo credo, la tua ragazza in questo non centra nulla; il problema, Ciro, è tuo. E riguarda, appunto, la sfera dell’insicurezza, dunque il non piacersi, sentirsi uno scalino sotto agli altri, avere delle paure da risolvere, pensarsi piccoli rispetto a un mondo grande…. Insomma, una difficoltà ad esprimere pienamente quello che si è…. E forse anche, in alcuni casi, non sapere bene quello che si è. Io non credo, quindi, che la strada giusta da seguire sia quella di tentare di lasciare alle spalle il SUO passato, quanto quella di lasciarsi alle spalle il proprio di passato, il che significa cercare di svincolarsi da un passato che ci tiene ancora legati, che ci fa vivere nel disagio, nelle insicurezze, appunto. Insomma, un confronto con se stessi e le proprie debolezze e difficoltà. Questo credo sia il passo più opportuno. Perché se anche tu riuscissi a eliminare dalla tua mente il passato sentimentale della tua ragazza, immagino che comunque, prima o poi nella vita, dovrai nuovamente confrontarti con il passato di qualcun altro, nuovamente ti sentirai paragonato a qualcuno o in competizione con qualcuno…… e se non avrai risolto le tue paure, sarai costretto nuovamente a soffrire di questo in modo esagerato. Dunque Ciro, è su di te che devi lavorare, per amarti di più e trattarti un po’ meglio, in modo da poter sperare di riuscire vincitore nei prossimi eventuali confronti, e non cercare invece di evitarli, questi confronti.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni