Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (102142)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

CONFUSA84 22

Salve sono una ragazza di 22 anni e frequento la facoltà di psicologia...sono fidanzata da 7 anni con un ragazzo che ha la mia età siamo cresciuti praticamente insieme, dato che frequentavamo anche la stessa scuola e abitiamo nello stesso stabile...lui è ancora vergine e questo mi blocca molto perchè è come se pensassi che lui sessualmente non fosse all altezza e sono sempre sul chi va la a controllare che lui stia attento e per questo difficilmente mi lascio andare...circa un anno fa durante una pausa nel nostro rapporto io ho avuto una relazione con un uomo di 30anni e con lui ho avuto il mio primo rapporto diciamo che la penetrazione è avvenuta quasi subito e il dolore non è stato insopportabile (non so se è importante ma le dimensioni del pene erano minori rispetto il mio ragazzo attuale) anche se devo dire che non ero eccitata molto, inoltre la perdita di sangue è stata pochissima...attualmente io e il mio ragazzo stiamo cercando di avere il nostro primo rapporto completo anche perchè lui non sa che io non sono più vergine (anche se non ho più avuto rapporti sessuali da circa 10 mesi), naturalmente usiamo il preserbativo anche se lui si è fissato che per la prima volta deve usare quello ritardante anche se sinceramente non ha alcun problema di eiaculazione o erezione o di eccitazione, ma non capisco perchè non riesce a penetrarmi completamente un po perchè sento un dolore insopportabile (è come se nel momento in cui lui cerca di penetrarmi mi asciugo e incomincio a pensare che lui non ha alcuna esperienza e incominciamo ad avere anche problemi di cordinazione), quindi la mia domanda riguarda il fatto del perchè non riusciamo ad avere rapporti completi, se sono io il problema perchè mi blocco mentalmente perchè ha sempre paura che possa sporcarmi e rimanere incinta anche perchè per problemi di salute non posso prendere la pillola e quindi il preserbativo è l unico rimedio anche se penso che senza fosse meglio...in attesa di una risposta porgo cordiali saluti e spero di esser stata quanto più chiara ed esauriente possibile.

Gentile confusa, sarebbe interessante sapere se con quest'uomo più grande le cose andavano nello stesso modo oppure no, sembra che questi problemi lei li senta solo con il suo ragazzo con cui peraltro il rapporto sembra più fraterno che altro....
è normale che lei si blocchi con tutti questi pensieri negativi e paure che sono anche il frutto forse di un senso di colpa che lei ha maturato nel tempo anche rispetto alla verginità? Il fatto che lei perda la lubrificazione è legato ad un calo dell'eccitazione che di conseguenza la porta ad essere impacciata, allora forse è il caso di porsi qualche domanda sulla natura della vostra relazione e parlarne magari anche con lui, per decidere insieme cosa fare e magari prendervi una pausa per capire che cosa vi sta succendendo, questo sopratutto a lei potrebbe essere utile, buona fortuna.

(risponde la dott.ssa Benedetta Mattei)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters