Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (104372)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Valentina 23

Salve dottoressa, cercherò di essere breve. Il mio problema è con l'orgasmo, non con il desiderio o il piacere in generale. Ho rapporti da quando ho 16 anni, e con il partern è molto difficile che raggiunga un orgasmo. Con l'autostimolazione invece lo raggiungo sempre. Io ho ricordi di autostimolazione e di orgasmi sin da quando ero molto piccola. Mi ricordo che mettevo nelle mutandine fazzoletti che successivamente strusciavo al clitoride che mi provocavano orgasmo, lo facevo anche per imitare mio padre in mutande (strano perchè sono una donna, e il complesso edipico prevede questo per il maschietto se non sbaglio) comunque un giorno mia madre mi beccò e ricordo che non fu felice nel vedermi con le mutandine piene di stracci. Provai molta vergogna e senso di colpa. Questo sarà accaduto all'età di 4 anni. Nonostante questo ho continuato con la masturbazione fino ad oggi, da piccola appena raggiunto l'orgasmo provavo una sensazione di colpa, crescendo e capendo che non c'era niente di male questo senso di colpa è sparito. Vorrei dire inoltre che all'età di 8-9 anni ho trovato videocassette pornografiche di mio fratello con scene di sesso molto espicito, guardandole mi eccitavo, mi masturbavo e successivamente provavo una sensazione di "non giusto". Ora quando mi masturbo raggiungo l'orgasmo come sempre, ma con il mio ragazzo non riesco mai, se non rarissimamente, a provare un orgasmo. So che dovrei parlarne con lui ma il discorso è complicato e ho paura che lui si prenda la colpa. Ma io credo, anzi ho paura, che la causa sia legata ai fatti che sopra ho raccontato. Se così fosse... come sbloccarmi? Grazie mille

Cara Valentina, c'è una grande differenza tra la capacità di raggiungere un orgasmo attraverso attività autoerotiche e la capacità di raggiungerlo grazie al proprio partner. Nel secondo caso è importante non solo un approccio sereno alla sessualità in generale, ma anche una grande capacità di abbandonarsi all'altro, e moltissima fiducia nei suoi confronti. Non credo che, se parla sinceramente con il suo ragazzo delle difficoltà che ha, possa venirne fuori qualcosa di negativo; sarebbe una grande dimostrazione di fiducia nei suoi confronti, e probabilmente aiuterebbe anche l'intimità della coppia.forse a lei questa fiducia serve. È possibile che i fatti che ha raccontato abbiano un ruolo in quello che le sta capitando ora, soprattutto nell'aspetto di vergogna e senso di colpa che spesso hanno accompagnato i suoi orgasmi. È difficile abbandonarsi ad un'esperienza forte come quella dell'orgasmo se è accompagnata da sentimenti di questo genere. Credo che lei abbia trovato la direzione giusta nella quale indagare, e credo che per sbloccarsi sia opportuno continuare ad approfondire le cose che mi ha scritto. La cosa migliore, a mio parere, è farlo con l'aiuto di uno psicologo, o di uno psicoterapeuta, per poter cogliere il nesso tra le esperienze della sua infanzia e quello che le succede adesso. Le faccio molti auguri

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 07/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters