Pubblicità

Sessualità (106647)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 33 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cristina 24

Salve, mi chiamo Cristina ed ho 24 anni. Fino a poco tempo fa stavo con un ragazzo (da quasi due anni) che, però, vive molto distante da me, io in Piemonte lui in Sardegna, col risultato che ci potevamo vedere ben poco. Lo scorso anno abbiamo provato a fare l'amore, io ero vergine, ma nonostante la rottura dell'imene, testimoniata dalla perdita di sangue, lui non è riuscito ad entrare se non per pochi centimetri poiché io sentivo troppo male. Lui mi disse che in pratica non riusciva fisicamente ad entrare probabilmente perché io avevo i muscoli totalmente contratti. Non ci abbiamo più provato ed ora che ci siamo lasciati io ho paura che questa cosa possa succedere con un eventuale nuovo ragazzo, se mai mi capiterà di trovarne un altro. Mi sento handicappata, soprattutto perché con la masturbazione e la penetrazione attraverso le dita non ho problemi. Mi dovrò scordare di fare sesso o esiste una soluzione?

Cara Cristina, non disperare perchè il problema descritto è naturale specialmente quando si tratta della prima volta.
Probabilmente il dolore provocato ha fatto scattare dei meccanismi di difesa che ti costringono a non essere rilassata durante i rapporti. Il disturbo descritto è Dispareunia che si risolve rivolgendosi da uno psicoterapeuta sessuologo che oltre all'analisi individuale propone degli esrcizi da fare a casa anche individualmente per capacitarsi dell'elasticità vaginale, poi un richiamo necessita, se dovesse permanere l'irrigidimento delle pareti vaginali con il proprio partner e anche in questo caso necessita effettuare tecniche specifiche per la tematica descritta.

(risponde il Dott. Sergio Pugelli)

Pubblicato in data 30/09/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

News Letters

0
condivisioni