Pubblicità

Sessualità (109850)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca 24

Salve, sono una ragazza di 24 anni fidanzata da quattro anni con un ragazzo che adesso ne ha 30. Lui è il primo ragazzo con cui ho iniziato ad avere un rapporto sessuale non completo. All'inizio ero contentissima del fatto che lui cercasse di rispettare i miei tempi, cioè non avendo avuto rapporti con altri ragazzi ero vergine e non pronta ad avere subito un rapporto sessuale. Il problema si sta ponendo ora, dopo circa quattro anni. Noi abbiamo rapporti ma non completi ed io non faccio altro che rassicurarlo e ricordargli di essere pronta a far maturare ulteriolmente il nostro rapporto. Ammetto di essere un tipo molto timido nell'approccio e quindi magari con la mia timidezza posso creargli imbarazzo. In questi ultimi periodi sento di essere attratta fisicamente da un altro ragazzo, ma allo stesso tempo non riesco a lasciare il mio ragazzo. Non so come spiegare sento ancora di essere innamorata di lui o comunque legata a lui. Il mio corpo, però, è come se sentisse ormai un bisogno impellente di maturare. La mia domanda può sembrare banale ma non capisco perchè lui dopo quattro anni non cerchi in qualche modo di far maturare ulteriolmente la nostra storia. Inoltre non so se possa far io qualcosa per aiutarlo?

Cara Francesca, ho l’impressione che quanto lei scrive sia piuttosto contraddittorio. Da un lato afferma che, dopo quattro anni che sta con questo ragazzo (e a mio parere è un tempo ragionevolmente lungo) non se la sente di avere rapporti sessuali completi con lui; dall’altro dà a lui la responsabilità di non aver “fatto maturare” la vostra storia. L’amore, come tante altre cose all’interno di una coppia, si fa in due; e bisogna essere in due a volerlo, a sentirsi pronti. Comprendo la timidezza come fattore che possa averla ostacolata, ma proprio in virtù del fatto che il suo ragazzo abbia così tanto rispettato i suoi tempi, ci si aspetterebbe una grande fiducia nei suoi confronti. In questa situazione, la cosa migliore che potrebbe fare è cercare di fare chiarezza dentro sé stessa, se davvero ama questo ragazzo e vuole rimanere con lui, oppure no; ma credo che sarebbe opportuno anche parlare con lui, cercare di capire insieme i motivi per i quali la vostra storia non è mai maturata al punto da riuscire ad avere un rapporto sessuale completo. Molti auguri

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 03/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters

0
condivisioni