Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (109850)

on . Postato in Sessualità | Letto 11 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca 24

Salve, sono una ragazza di 24 anni fidanzata da quattro anni con un ragazzo che adesso ne ha 30. Lui è il primo ragazzo con cui ho iniziato ad avere un rapporto sessuale non completo. All'inizio ero contentissima del fatto che lui cercasse di rispettare i miei tempi, cioè non avendo avuto rapporti con altri ragazzi ero vergine e non pronta ad avere subito un rapporto sessuale. Il problema si sta ponendo ora, dopo circa quattro anni. Noi abbiamo rapporti ma non completi ed io non faccio altro che rassicurarlo e ricordargli di essere pronta a far maturare ulteriolmente il nostro rapporto. Ammetto di essere un tipo molto timido nell'approccio e quindi magari con la mia timidezza posso creargli imbarazzo. In questi ultimi periodi sento di essere attratta fisicamente da un altro ragazzo, ma allo stesso tempo non riesco a lasciare il mio ragazzo. Non so come spiegare sento ancora di essere innamorata di lui o comunque legata a lui. Il mio corpo, però, è come se sentisse ormai un bisogno impellente di maturare. La mia domanda può sembrare banale ma non capisco perchè lui dopo quattro anni non cerchi in qualche modo di far maturare ulteriolmente la nostra storia. Inoltre non so se possa far io qualcosa per aiutarlo?

Cara Francesca, ho l’impressione che quanto lei scrive sia piuttosto contraddittorio. Da un lato afferma che, dopo quattro anni che sta con questo ragazzo (e a mio parere è un tempo ragionevolmente lungo) non se la sente di avere rapporti sessuali completi con lui; dall’altro dà a lui la responsabilità di non aver “fatto maturare” la vostra storia. L’amore, come tante altre cose all’interno di una coppia, si fa in due; e bisogna essere in due a volerlo, a sentirsi pronti. Comprendo la timidezza come fattore che possa averla ostacolata, ma proprio in virtù del fatto che il suo ragazzo abbia così tanto rispettato i suoi tempi, ci si aspetterebbe una grande fiducia nei suoi confronti. In questa situazione, la cosa migliore che potrebbe fare è cercare di fare chiarezza dentro sé stessa, se davvero ama questo ragazzo e vuole rimanere con lui, oppure no; ma credo che sarebbe opportuno anche parlare con lui, cercare di capire insieme i motivi per i quali la vostra storia non è mai maturata al punto da riuscire ad avere un rapporto sessuale completo. Molti auguri

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 03/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters