Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (110080)

on . Postato in Sessualità | Letto 6 volte

Giacomo 23

Buongiorno, vorrei sottoporvi la mia situazione per chiedervi un consiglio. Il mio problema si può definire in sintesi ansia da prestazione, infatti praticamente non riesco in nessun modo ad avere un rapporto sessuale e nemmeno ad accettare l'idea di averlo e quando mi sono trovato nella condizione di averlo sono stato assalito da sensi di colpa che non saprei ben definire, ma era come se per me fosse arrivata la fine del mondo e stessi facendo qualcosa di sporchissimo e minaccioso. Per questo naturalmente è come se il mio corpo non mi appartenesse più e mi fosse sfuggito via non solo per quanto riguarda l'erezione ma perchè non riuscivo ad avere nessun trasporto e nessuna sensibilità per la mia partner. Ho letto da qualche parte, o forse qualcuno mi ha detto che un essere umano senza il suo corpo è come un generale senza le truppe, e cioè che non può andare da nessuna parte e in effetti è vero perchè nel mio caso questo problema ha condizionato tutta la mia vita affettiva e mi ha portato ad allontanare la mia partner senza nessun dialogo, anche se lei sarebbe stata molto dolce e comprensiva. Sento che così non potrò andare avanti perchè vengo assalito da attacchi di ansia e depressione per il fatto di sentirmi condannato a stare da solo e tutta la mia vita si sta intoppando su questo punto. Spero in una vostra risposta perchè se parlo di questo con le persone che mi sono più vicine il massimo che ho ottenuto è stato o qualche battuta sarcastica sulle dimensioni del mio organo genitale, che peraltro sono normalissime o il consiglio di rivolgermi a delle prostitute, la quale cosa mi fa sentire ancora più frustrato e umiliato. La ringrazio e le porgo cordiali saluti.

Caro Giacomo, in effetti le persone con le quali lei ha parlato hanno dimostrato ben poco tatto. Il problema che lei sente non ha sicuramente nulla a che fare con le dimensioni del suo pene, né con l’andare con delle prostitute; ma da quanto mi scrive, mi sembra di poter intuire le sue origini sono più profonde. Definire il sesso come una cosa “sporchissima e minacciosa” implica una concezione molto negativa della sessualità, che lei potrebbe aver mutuato dall’educazione ricevuta, dalla famiglia, e da vari altri fattori, ma che certamente la condiziona negativamente. Sinceramente, io penso che il corpo e la mente siano una cosa sola, e separandola si falsifica la realtà, quindi in un certo senso quello che lei ha letto a questo riguardo può essere vero. Penso che lei abbia bisogno di risalire alle origini profonde di questo disagio, capire cosa l’ha provocato, e come venirne fuori. Per questo mi sento di consigliarle di intraprendere una psicoterapia. Può trovare un elenco esaustivo degli psicoterapeuti che esercitano nella sua città sul sito www.psicologi-italiani.it. Le faccio molti auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 03/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters