Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (111168)

on . Postato in Sessualità | Letto 11 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanna 48

Da quasi due anni mio marito ha avuto un piccolo infarto, da questo è seguita una coronarografia e gli sono stati inseriti tre stent. Da quel momento mio marito è cambiato: i nostri rapporti si sono ridotti molto, ma soprattutto non leggo più la gioia e il desiserio nel suo sguardo. Il sesso nella nostra vita di coppia è sempre stato importante (per anni siamo stati amanti sino a quando abbiamo preso la decisione di mollare le nostre vite precedenti e oggi viviamo assieme ormai da 12 anni). Oggi lui pare "aver voglia di far l'amore solo al sabato, per quanto riguarda gli altri giorni cala un silenzio di tomba, abbiamo perso la complicità , il desiderio. Io sto veramente male. Forse in questo, per quanto mi riguarda, ha inciso anche la morte di mio padre avvenuta a luglio di quest'anno e proprio, nonostante l'età avanzata (aveva 82 anni) a causa del cuore. Su mia sollecitazione mio marito è andato anche dall'andrologo il quale gli ha prescritto il "Celis", ma di fatto lo ha preso un volta senza grandi effetti e un'altra, senza dirmi nulla, dicendomi il giorno dopo che non era il momento di venirmi vicino. Intanto passano i mesi e io mi sento sempre più sola. Sono io che non riesco ad accettare questa nuova condizione di mio marito. Devo cercare di aiutarlo o sono solo un'egoista che non capisce che certe cose nella vita finiscono?

Cara Giovanna, lei ha mai provato a parlare con suo marito del disagio che sta sentendo? Io non credo che lei sia un’egoista, e non credo nemmeno che certe cose nella vita finiscano. Si può avere una vita sessuale attiva e soddisfacente fino ad un’età molto avanzata se ci si prende opportunamente cura di se stessi e della coppia. È indubbio che quanto è successo a suo marito possa avergli causato un grave sconvolgimento, ed è possibile anche che in questa fase lui abbia un calo del desiderio dovuto alle sue condizioni fisiche. Personalmente non penso che l’uso dei farmaci in questa situazione possa essergli d’aiuto, visto che non mi pare che abbia problemi di erezione, ma di desiderio, e non ci sono farmaci che stimolino un desiderio sessuale che non c’è. Ma penso che lei possa fare molto per suo marito, e per voi due. Innanzitutto parlarci, per capire come si senta e in che modo i suoi problemi di salute influiscano sul suo desiderio sessuale. Un passo ulteriore potrebbe essere quello di consultare un terapeuta di coppia, per farvi aiutare a superare nel modo migliore il difficile momento che state attraversando. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 18/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione, paura (151…

klava, 20     Salve, mi chiamo Claudia, sono una studentessa universitaria. Ultimamente sto rivivendo un circolo vizioso dato (credo) dall'ansia ...

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

News Letters