Pubblicità

Sessualità (115907)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 66 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Serena 23

Salve, da circa un paio d'anni non provo nè piacere nè desiderio di avere rapporti sessuali con il mio ragazzo (di un paio d'anni più grande di me). Io ed il mio ragazzo facciamo lo stesso tipo di vita, ci voglio molto bene, lo stimo e penso che difficilmente troverei una persona migliore di lui per me. Tuttavia lo stress dello studio, ed il modo opprimente che hanno i miei genitori di interagire con me, mi hanno reso irascibile, insicura ed un pò depressa. Negli ultimi due anni, però, ho notato che anche la mia voglia di avere rapporti è diminuita da un giorno all'altro, quasi di punto in bianco. Cerco di evitarli, ma in realtà non vorrei. Anzi, vorrei una sessualità felice ed appagante come credo si dovrebbe avere alla mia età, senza sprecarla in questo modo. Il problema non è il mio ragazzo, non ne desidero altri. Ho cominciato a non riuscire più a fare sesso quando ci trovavamo soli in casa mia, per poi però (purtroppo) non avevo più desiderio neanche in altri luoghi. Forse è il troppo stress, oppure il fatto che a volte penso a cosa direbbero i miei se mi vedessero(!!!). Vorrei solo fare un piccolo appunto. I miei sono convinti (o, meglio, vogliono convincersi e fanno pressione psicologica anche su di me, diretta ed indiretta) che il mio attuale ragazzo dovrà per forza diventare mio marito, altrimenti sarebbe disdicevole. Io non concordo e credo che anche questo, in modo inconsapevole, contribuisca alla caduta a picco della mia sessualità. Eppure non riesco a liberarmi dai giudizi dei miei nonostante sia quasi una donna. Vorrei qualche consiglio per riuscire a vivere meglio e, eventualmente, sbloccare la mia sessualità. Grazie in anticipo.

Cara Serena, nella tua storia si evince un educazione rigida genitoriale, che incide sul tuo stato psicologico relazionale. E' altrettanto vero che la sessualità può essere inquinata da certi atteggiamenti, ma credo che sia opportuno per una maggior sicurezza che consulti uno psicologo psicoterapeuta per poter ritrovare la serenità psicologica che è utile per comprovare se l'amore per il proprio ragazzo è un amore fra un uomo e una donna, o se è fraterno il che giustificherebbe la difficoltà nei rapporti e la paura, che è subentrata se questo rapporto dovesse terminare. Il ragazzo diventerà il compagno di vita se ci sono tutti i presupposti per esaudire i desideri personali, non quelli genitoriali quindi rifletti attentamente se fra voi due sono subentrate delle difficoltà comunicative in cui non riuscite a dirvi ciò che realmente provate l'uno per l'altro. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli )

 

Pubblicato in data 28/03/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni