Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (120138)

on . Postato in Sessualità | Letto 3 volte

Angelica 36

Sono una donna di 36 anni e dopo una vita fatta solo di studi e soddisfazioni scolastiche e lavorative da circa 3 anni convivo con un ragazzo coetaneo. Adesso io ho una ottima posizione lavorativa, lui un po' di meno. E' un ragazzo da ammirare perchè pur essendo orfano è riuscito con le sue forze ad andare avanti senza intraprendere brutte vie e lavorando onestamente. Da quando abbiamo iniziato questa storia ho sempre avuto l'impressione che non ci fosse una grande passione, e ci ho azzeccato purtroppo. In 3 anni che stiamo insieme avremo fatto l'amore forse solo 10 volte (tutte le volte bellissimo, ma spesso lui aveva problemi di erezione). Lui giura che mi ama tantissimo e sono la sua vita. Ho pensato che non gli piacessi, solo dopo scopro che lui soffre di depressione e spesso fa uso di alcool. Siamo stati anche da un sessuologo il quale non aveva capito (forse) che lui era depresso. Così lui è andato da uno psichiatra che ha diagnosticato la depressione e ora prende dei farmaci. E' stato anche da un analista ma dopo poco ha abbandonato per motivi economici. Adesso (dopo il suo ennessimo atto di gelosia inutile) siamo separati, ma viviamo vicino quindi è come se non ci fossimo mai separati perchè continiuamo a vederci ma senza sesso (come succedeva prima d'altronde). Sono molto confusa, non so se questa si può chiamare pausa o separazione apparente, credo di amarlo ma dopo tutto quello che è successo sono stanca, vorrei una vita più tranquilla. Sono molto forte ma non credo di reggere a lungo. Vorrei un consiglio perchè non riesco a confidarmi con nessuno. Provo vergogna. Lo so che la mia potrebbe sembrare la "sindrome da crocerossina" ma credimi, è una persona fantastica e sono sicura che sarebbe un ottimo padre per i miei figli (semmai li avrò considerando come vanno le cose).

Cara Angelica, la storia evidenzia di come sia difficile vivere serenamente in coppia, specialmente quando uno dei due partner ha avuto un percorso esistenziale difficile. La domanda che sorge spontanea è: ma era vero amore quello che lui provava per te o solo bisogno fisiologico? Se ha fatto qualche seduta da un sessuologo e questo non ha capito il suo problema esso non era un buon psicoterapeuta e in giro di questi ne esistono molti, quindi prima di intraprendere un percorso chiedete sempre l'iscrizione all'albo dei sessuologi che, se pur non ancora riconosciuto, esiste. Il consiglio che posso darti è quello di non fossilizzare il tuo amore su un uomo che "solo per abitudine" rimane vicino, se poi volete fare un percorso insieme per capire i vostri bisogni consulta uno psicoterapeuta di coppia, il che non significa fare la crocerossina ma riprendersi la propria vita. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 16/06/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il decl...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters