Pubblicità

Sessualità (123026)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Laura 34

Salve, sono Laura, ho 34 anni e da qualche mese ho conosciuto un uomo di 2 anni più grande. Premetto che tra noi sembra scattato da subito un vero e forte sentimento reciproco del tutto inaspettato, finalmente! Ma si é isinuato un problema di tipo erettile fin dai primi rapporti sessuali. E' già stato accertato che non vi sono cause fisiche con visita urologica. Da subito ho notato che lui non cercava affatto la penetrazione e prediligeva rapporti orali, eccessivi come durata e come modo (almeno per mia esperienza), tanto da essere stancanti fino a darmi fastidio. Durante tali rapporti (orali) non vi è mai stato nessun problema di erezione. Ad oggi ancora come proviamo la penetrazione (quasi sempre per mio intento), ecco che poco dopo si presenta l'impossibilità di poter continuare l'amplesso. Con immancabile ansia e frustrazione. Parlandone assieme non nego di avere espresso in primis il timore di essere io la causa, che sò, una perdita di eccitazione dovuta al poco convincimento di tipo fisico che gli procuravo, per esempio. Lui mi rassicura su questo dicendomi che non è attribuibile sicuramente, benchè nemmeno lui riesca a spiegarselo decantando le sue prestazioni antecedenti. Unica ipotesi quella che amandomi si scatena una sorta di ansia contraddittoria, ovvero, tali defaiance non sono mai accadute con donne di scarsa valenza affettiva. Possibile? Faccio fatica a credere. Vorrei trovare risposte ed eventuali rimedi. Anticipatamente grazie.

Cara Laura, aver consultato un urologo è già una premessa per voler risolvere il problema. Dall'esposizione fatta si capisce che ci sono ansie da prestazione e quindi la penetrazione resta una difficoltà rispetto ai rapporti orali. E' chiaro che il partner deve ritrovare serenità ed equilibrio psichico, quindi consiglio che come coppia consultiate uno psicoterapeuta sessuologo che con precisi esercizi mette la coppia in condizione di ritrovare quel desiderio che sembra mascherato dai rapporti orali. La penetrazione per molti maschi stà diventando un problema poichè temono la figura femminile, quindi probabilmente il sessuologo consiglierà anche una psicoterapia individuale. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 25/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni