Pubblicità

Sessualità (124136)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 532 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Tiziana 30

Buongiorno, sono una ragazza di 30 anni che all' eta' di 24 ha vissuto l' esperienza dell' aborto; ero rimasta incinta di un ragazzo che al momento della scoperta della mia gravidanza mi ha abbandonato. Io nel panico feci la scelta sbagliata. In seguito anche a questo la storia termino'; lo stesso si rifece vivo dopo 3 anni. La storia riprese nella stessa modalita' del passato (io ero l' amante perche' lui era fidanzato). Il ricordo dell' aborto continuava a tornare nella mia mente e decisi di non vederlo piu'. In seguto ho avuto qualche storia ma di poco conto e ancora oggi tendo a pensare a quell' uomo. Ho ricevuto un' educazione molto rigida, ho studiato 13 anni in scuole religiose e le elementari e le medie le feci presso un istituto solo femminile. Alle superiori la classe era mista per modo di dire (2 maschi); quindi le mie esperienze con i ragazzi nell' adolescenza furono poco o niente. Da quando ho iniziato a lavorare (a 21 anni) ho conosciuto tante persone gay, bisessuali e lesbiche e a tutt' oggi ho tantissimi amici maschi gay, mi capita anche di frequentare i loro locali. E' come se mi stessi rinchiudendo in un circolo chiuso. Ma io mi sento attratta dai ragazzi e dalla sessualita' maschile ma a volte ho fantasie anche con le donne. La mia domanda e' questa: e' necessario che intraprenda una terapia per migliorare il mio rapporto con gli uomini, visto che faccio fatica a iniziare storie con loro? Sono normale? Nella mia famiglia inoltre ho uno zio materno che e' distimico dall' adolescenza, e' possibile che io abbia qualche forma di bipolarita'? Grazie mille per l'aiuto.

Cara Tiziana, quanta confusione! L'avere fantasie omosessuali è del tutto normale e non significa niente se senti che ti piacciono solo le persone di sesso opposto al tuo. Per quanto riguarda il tuo approccio con i ragazzi potresti migliorarlo attraverso un training assertivo ossia un addestramento vero e proprio a comportamenti di tipo sociale, in questo caso rivolti a maschi e con finalità di incontrare una persona sentimentalmente importante. Questo puoi farlo con psicologi di orientamento cognitivo-comportamentale ed ha una durata di circa 2-3 mesi. Per quanto riguarda la possibilità che tu abbia una patologia dell'umore, è da verificarsi certo, ma la presenza di uno zio distimico non è certo una condanna, solo un fattore di rischio in più rispetto agli altri. Fai questo percorso, prendi un po' di fiducia in te e vedrai che ti sentirai più a tuo agio anche con gli altri, maschi o femmine che siano.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 21/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

News Letters

0
condivisioni