Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (124885)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

Veronica 25

Gentili esperti, so perchè vi scrivo, ma non so se riuscirò a scriverlo. Sono una ragazza di 25 anni, definita dagli altri di bell'aspetto e simpatica. Riesco, quasi sempre, a relazionarmi con gli altri in modo positivo, ma tendo spesso a sfuggire alle situazioni che non posso controllare. Quando conosco qualcuno non è una grande difficoltà riuscire a chiaccherarci o risultare simpatica perchè non appaio mai per come in realtà sono; viene fuori, infatti, una parte giocosa, sfavalda e sicura . Come dire, indosso la maschera più opportuna in base a ciò che la situazione richiede, ma quando comincio ad affezionarmi a qualcuno o mi comincia a piacere, tutte le mie difese crollano e divento vulnerabile. Ogni volta che mi piace un ragazzo o la nostra situazione d'amicizia comincia a cambiare, la prima cosa che accade è che non riesco più a mangiare e ogni cosa che provo a ingerire tende a uscire subito fuori. Questo dura fin quando non si stabilizza la nuova situazione, ma la cosa peggiore avviene dopo, quando il rapporto comincia a farsi un po' più fisico: mi irrigidisco del tutto e comincio a pensare a mille cose che in realtà non hanno troppo senso, non riesco a rilassarmi quando vengo sfiorata e non riesco a toccare il ragazzo che è con me. Potrei definirmi una statua. Questa situazione è molto frustrante per me, soprattutto per quello che per gli altri è la cosa più semplice del mondo: il sesso, per me è la cosa più difficile e complessa del mondo. Grazie per avermi ascoltato!

Cara Veronica, dallo scritto si intravedono due aspetti: il primo riguarda la difficoltà a relazionarsi con i coetanei, il secondo la rigidità nella sessualità senza specificare se durante il rapporto ci sono disturbi, o di dolore o di non penetrazione, poichè la diagnosi si differenzia: può essere o una dispareunia o un vaginismo, i cui modi di cura sono completamente diversi. Come consiglio posso darti queste poche indicazioni: seguire una terapia di gruppo di tipo gestaltico, indicata per relazionarsi meglio con i coetanei e andare da uUno psicoterapeuta-sessuologo per risolvere i problemi di coppia e della sessualità in particolare. Auguri.

(risponde il Dott.Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 13/09/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters