Pubblicità

Sessualità (128888)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 23 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gianni 18

Salve, vivo in casa con una famiglia di reddito medio... ho un problema fondamentale, da circa 6 mesi sono entato in un circolo vizioso che mi tormenta tutti i giorni. Il trauma principale è stata una mancata erezione durante un rapporto sessuale, da lì per la vergogna per il pudore ho incomnciato a frustrarmi in una maniera assurda, perchè la cosa non si è solo fermata ad un solo rapporto e la paura che riaccadesse era sempre di più. Ero fidanzato con una ragazza da mesi e stavo benissimo, una bellissima storia durata fino a qulche mese fa, dopo il primo incidente ho incominciato a pormi domande, e nella mia ignoranza inizialmente mi sono buttato su tutte le cose più strane possibili sono arrivato a pensare di essere omosessuale, non lo sono, solo che adesso il mio problema principale dopo 6 mesi e che mi sento cambiare giorno per giorno da pensieri che mi infastidicono omosessuali, la mia preoccupazione li alimenta sempre di più e come se non riesco più a uscirne fuori. A volte sono così sicuro delle mia eterosessualità che penso si stia risolvendo tutto ma alla prima occasione incomincio a diventare ansioso e non riesco a trattenere pensieri immorali e sgradevoli che purtroppo, ripeto, sono alimentati dal mio stato ansioso e di paura. Questa è la mia situazione attuale mi piacciono le donne solo ma questo caos mi sta sconvolgedo. Come devo fare per riprendermi la mia sicurezza di prima e accantonare tutto questo che mi fa star male e comparire pensieri fra la testa anche del tipo: "voglio morire"? Vi prego ho bisogno di risposte concrete vado anche male a scuola ho perso anche concentrazione nello studio e mi rendo conto sempre di più che sto cambiando assurdamente senza che io lo voglia...aiutooo!!

Caro Gianni, la tua è probabilmente una crisi profonda di tipo esistenzilaistico, in cui la sessualità è un elemento confusivo indicatore di un caos più interno. Cerca intanto di non dare imortanza agli episodi che ti accadono, perchè anche se sono emotivamente coinvolgenti vanno presi nel contesto e soprattutto considerati nel periodo.Non è da escludere la slatentizzazione di un'omosessualità, ma ti assicuro che non è da escludere anche altro e non ultimo che tu stia attraversando un episodio simil depressivo e che piuttosto il comportamento sessuale è disturbato da altre dinamiche affettive, perturbanti ed angocianti, che vanno bonificate. Sarebbe importante che tu razionalizzassi il conflitto che va in realtà guardato attraverso il filtro di una sana interpretazione, che non può e non deve essere di tipo emotivo o drammatico. Cerca di pensare senza lasciarti invischiare dall'angoscia o dall'amplificazione sentimentale che serve solo ad aumentare il senso di impotenza e frustrazione. Devi sapere tollerare ed elaborare quanto ti sta succedendo senza farti prendere dal panico o dallo scoraggiamento. Ed eventualmente non escludere di intraprendere una psicoterapia di supporto.

(risponde la Dott.ssa Lucia Daniela Bosa)

Pubblicato in data 8/01/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni