Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (131339)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 12 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valentina 20

Salve! Avrei bisogno di un consiglio; sono una ragazza di 20 anni e il mio problema è questo: riesco a raggiungere l'orgasmo solo attraverso masturbazione o rapporto orale, ma non attraverso penetrazione. Il mio problema non è tanto raggiungere l'oragasmo con la penetrazione; il problema vero e proprio è che attraverso essa, non avverto neanche un minimo piacere!

Cioè percepisco la penetrazione, sento che è avvenuta, ma continuando il rapporto non sento nulla! Non sento assolutamente niente nel vero senso della parola, ne piacere ne dolore! Ho provato di tutto: posizioni diverse, prodotti stimolanti, ecc; ma senza alcun risultato. Questo fatto provoca disagio tanto a me, quanto al mio ragazzo, con cui stò da 7 mesi! (sono comunque sessualmente attiva da due anni).

Cosa posso fare? Non so se il mio è un problema psicologico o proprio fisiologico!

Spero che voi possiate aiutarmi! Grazie.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Ciao Valentina, dalla tua descrizione sembra proprio una problematica di tipo psicologico, cosidetta "dell'eccitazione sessuale".

Se escludiamo, infatti, le cause organiche che potrebbero far insorgere il problema, per le quali dovresti parlare con il/la tuo/a ginecologo/a, rimangono le cause generate da assunzione di farmaci che potrebbero indurre questa "anestesia". Fai mente locale, dunque, se stai assumendo ansiolitici o altri tipi di psicofarmaci oppure in generale farmaci per i quali possono essere contemplati effetti collaterali di questo tipo (ovviamente non conta se li hai assunti in passato o hai terminato la cura da almeno qualche giorno!). In ogni caso, chiedi informazioni allo specialista, qualora avessi dubbi sugli effetti collaterali di eventuali farmaci che stai assumendo.

Tuttavia, devo contemplare l'ipotesi di un disturbo di natura psicologica e non organica o funzionale, dato il fatto che con la masturbazione ed i rapporti orali raggiungi l'orgasmo.

Non specifici se la masturbazione é a livello clitorideo o vaginale, nel qual caso avremmo un'informazione in più per escludere l'ipotesi del disturbo organico. Se la masturbazione avviene anche a livello vaginale, quindi con una penetrazione, é chiaro che non si può pensare ad una disfunzione organica, viceversa, se ti riferisci alla masturbazione clitoridea, il discorso cambia. Allora sarebbe opportuno, prima di passare a conclusioni affrettate, parlare con lo specialista per verificare la situazione sia da un punto di vista organico che farmacologico.

Se, dopo tutti gli accertamenti del caso, dovessi pervenire alla conclusione che si tratta di un disturbo di natura psicologica, da esperta di analisi bioenergetica ti posso consigliare di lavorare molto sulla respirazione e sul rilassamento della parte superiore del corpo (soprattutto il diaframma, il muscolo che controlla la respirazione e che sta a metà tra i polmoni e lo stomaco) e sul caricamento, invece, della sua parte inferiore (perineo e gambe).

Ovviamente, dovresti rivolgerti ad un sessuologo e non tentare di risolvere il problema da sola! In bocca al lupo!

(risponde la Dott.ssa Elena Panuccio )

 

Pubblicato in data 11/03/09

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine deriva dalla figura del satiro...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

News Letters

0
condivisioni