Pubblicità

Sessualità (134061)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Matilde 21

Sallve, sono una ragazza di 21 anni, da quasi quattro anni sono fidanzata con un ragazzo splendido. Penso che sia il ragazzo migliore che potessi incontrare. E' una storia che mi rende serena, che mi dà felicità. Il problema è che per quanto affettivamente io senta tutto perfetto, c'è un problema che dentro di me sta prendendo sempre più piede e cioè il fatto che non siamo riusciti ad avere ancora un rapporto sessuale completo. Finchè si parla di preliminari, anche di sesso orale, va tutto bene, ma l'atto in se per se, la penetrazione, esclusivamente quello, non riusciamo a superarlo, perché io non riesco a superarlo. Inizio a tremare, la vivo come una violenza, e il colmo è che magari creo delle situazioni io a posta per cercare di rilassarmi e superare queste mie reazioni, sicura dell'amore che provo per lui. Non ne parliamo quanto spesso si rifletta nei sogni il desiderio di avere un rapporto sessuale con lui. La cosa che più mi distrugge è il senso di colpa successivo, mi sento un verme, per quanto il mio ragazzo cerchi di rassicurarmi. Io non capisco, dovrei provare "serenità" evitando qualcosa che mi fa paura, invece è peggio. Mi sento "incapace" di amare. Potete darmi un consiglio? Mi spaventa molto affrontare una psicoterapia, vorrei sapere se davvero può aiutarmi, o magari posso farcela da sola. Vi ringrazio.

Cara Matilde, il problema esposto non è un'eccezione poichè molte sono le coppie che provano le paure esposte e per di più ancora si registrano matrimoni bianchi anche nelle giovani coppie. Il consiglio che ti posso dare per superare il problema esposto è quello di affrontare una psicoterapia psicodinamica prima per rimuovere le paure che inducono al rifiuto della penetrazione, successivamente in coppia consultare un sessuologo che con esercizi specifici vi aiuta entrambi ad affrontare le problematiche esposte. Se fra voi due c'è amore comprensione e complicità la soluzione al problema può essere raggiunta, ma la domanda che sorge spontanea perchè il quesisto sorge dopo 4 anni? Questo è anche motivo di indagine più approfondita.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)


Pubblicato in data 12/05/09

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni